Top

L'infettivologo Bassetti contro Salvini: "Collega vaccini a varianti: è tra le cose più inesatte"

Il direttore del reparto di Malattie infettive all'ospedale San Martino di Genova: "Le varianti nascono quando le persone non sono vaccinate e il virus si muove, liberamente"

Matteo Bassetti, direttore della Clinica di Malattie infettive dell'ospedale San Martino di Genova
Matteo Bassetti, direttore della Clinica di Malattie infettive dell'ospedale San Martino di Genova

globalist Modifica articolo

10 Settembre 2021 - 20.04


Preroll
Matteo Salvini viene strigliato da chiunque in queste ore, ma soprattutto dagli scienziati che smentiscono categoricamente le sue affermazioni sui vaccini.
“L’affermazione che le varianti nascono come reazione al vaccino è una delle cose più inesatte che ho sentito da quando si parla di pandemia. Le varianti nascono quando le persone non sono vaccinate e il virus si muove, liberamente vedi la Delta in India dove la popolazione non era immunizzata così la Mu.
Dire quello che ha detto Salvini è profondamente inesatto”. Lo afferma all’Adnkronos Salute Matteo Bassetti, direttore del reparto di Malattie infettive all’ospedale San Martino di Genova, commentando le affermazioni del leader della Lega, Matteo Salvini, che ospite a ‘L’aria che tira’ ha sostenuto che “il vaccino non rende totalmente immune. Proviamo a fare informazione corretta: le varianti nascono come reazione al vaccino”.
“I vaccinati si possono contagiare, su questo non c’è nessun dubbio, ma non è questa la comunicazione che si deve fare alle persone, dobbiamo dire che se non sei immunizzato ti ammali gravemente. Questo – avverte Bassetti – dovrebbe dire un politico, anzi forse non dovrebbero proprio parlare di scienza perché lo devono fare gli scienziati. Ma oggi in Italia di vaccini parlano tutti facendo danni, mi dispiace delle parole di Salvini perché è una comunicazione non corretta”.
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile