Top

Battiston: "Variante Delta più contagiosa: è necessario l'88% di vaccinati per l'immunità di gregge "

Il fisico dell’Università di Trento: "Poiché la variante Delta è circa il 60% più contagiosa rispetto alla variante Alfa, è necessario raggiungere una percentuale più alta di vaccinati"

Il fisico Roberto Battiston
Il fisico Roberto Battiston

globalist Modifica articolo

19 Giugno 2021 - 14.24


Preroll

Il fisico Roberto Battiston, dell’Università di Trento, coordinatore dell’Osservatorio dei dati epidemiologici in collaborazione con Agenas, è convinto che la percentuale della popolazione che è necessario vaccinare per raggiungere l’immunità di gregge, alla luce della maggiore contagiosità della variante Delta , aumenta a circa l′88%.
“Poiché la variante Delta è circa il 60% più contagiosa rispetto alla variante Alfa, è necessario raggiungere una percentuale più alta di vaccinati. In questo modo, anche se a settembre la Delta dovesse essere dominante, non sarà pericolosa per la sanità pubblica”.
“Anche alla luce dei dati provenienti dall’ Inghilterra, la campagna di vaccinazione in corso potrà contenere l’impatto della variante Delta del virus SarsCoV2 nella misura in cui il numero persone completamente vaccinate (seconda dose) sarà elevato (oggi è circa il 26%). Molto probabilmente sarà una corsa contro il tempo, come è stata quella, vinta, che ci ha permesso di contenere la variante Alfa, dominante da fine febbraio-inizi di marzo”, osserva.
Anche se è inevitabile la comparsa di focolai, se nel frattempo l’intensità dell’epidemia si sarà ulteriormente ridotta, ha aggiunto Battiston, “sarà possibile contenerne gli effetti a livelli molto bassi. Guai, in questa situazione, a rallentare il ritmo della campagna di vaccinazione”.
Un numero alto di persone vaccinate significa limitare fortemente i contagi e tenere l’indice di contagio Rt ben al di sotto di 1, come è attualmente.
“Dobbiamo puntare il più possibile verso l’immunità di gregge perché questa permetterà di contenere gli eventuali focolai in modo che non riescano a far sviluppare l’incendio di un’ulteriore ondata.
L’immunità di gregge all′88% è “un obiettivo sfidante”, ha osservato ancora Battiston, ma si deve considerare che “più una variante si trasmette con facilità, più è necessario proteggere il maggior numero di persone con il vaccino, comprese le persone più giovani, circa 9 milioni in Italia tra 0 e 19 anni”.

OutStream Desktop
Top right Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile