Top

Maga (Cnr): "L'Aids è una pandemia che dura da 40 anni e non riusciamo a fermare"

Il direttore dell'l'Istituto di genetica molecolare del Cnr di Pavia: "Siamo riusciti, grazie ai progressi della medicina, a ridurre tantissimo il numero di vittime ma..."

Giovanni Maga, direttore dell'l'Istituto di genetica molecolare del Cnr di Pavia
Giovanni Maga, direttore dell'l'Istituto di genetica molecolare del Cnr di Pavia

globalist

4 Giugno 2021 - 16.16


Preroll

Una piaga sociale ancora oggi molto rilevante e per cui ancora non è stata trovata purtroppo una cura specifica e una sfida per la scienza in tutto il mondo.

OutStream Desktop
Top right Mobile

A parlare il virologo Giovanni Maga, direttore dell’l’Istituto di genetica molecolare del Cnr di Pavia, alla vigilia dei 40 anni dalla segnalazione, il 5 giugno 1981, da parte dei Cdc americani, di quelli che si riveleranno essere i primi casi, documentati, di Hiv-Aids.

Middle placement Mobile

“L’Aids è una pandemia che dura da 40 anni, non siamo ancora riusciti a fermarla. Siamo riusciti, grazie ai progressi della medicina, a ridurre tantissimo il numero di vittime che, comunque, è ancora importante perché siamo a 700mila, almeno, ogni anno. Abbiamo oltre 37 milioni di persone che vivono con il virus e si concentrano nei Paesi più poveri”. Lo dice

Dynamic 1

“Il virus – continua Maga – circola ancora ovunque. Anche in Italia, dove si stima che diverse migliaia di persone non sanno di averlo. La lezione che ci deve insegnare questa pandemia, non ancora sconfitta, è che se si allenta l’attenzione il virus riprende forza”.

E il motivo “per cui la circolazione nei nostri Paesi più sviluppati non si è fermata è perché, rispetto alle campagne martellanti di prevenzione degli anni ’90, oggi l’attenzione verso questo virus è calata. C’è la percezione che il problema sia risolto. Non si muore più di Aids. Ma non si muore più in Occidente – sottolinea – mentre in molti altri Paesi ci sono molti decessi. E soprattutto, oggi, non si ricorda che se ci si infetta non si guarisce: l’infezione da Hiv è permanente, per tutta la vita. Può essere controllata con i farmaci ma è una condizione che ha un’influenza sulla qualità della vita. E non è una condizione banale. Il problema di non infettarsi è legato alla percezione del rischio. Sappiamo come si trasmette il virus, sappiamo come proteggerci e non lo facciamo più tanto perché ci siamo dimenticati che il virus c’è”, conclude Maga.

Dynamic 2

 

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage