Galli rivendica il suo pronostico: "Sono bastati 3 giorni per vedere l'impatto delle varianti"

Il responsabile del reparto malattie infettive del Sacco di Milano aveva pronosticato 'effetti evidenti in 15 giorni'

Galli

Galli

globalist 23 febbraio 2021

E’ stato forse uno dei primi a lanciare l’allarme sulla pericolosità delle varianti, ma venne sbeffeggiato i dati errati che aveva riportato sulle condizioni del suo reparto d’ospedale. Massimo Galli, responsabile del reparto malattie infettive dell'ospedale Sacco di Milano, torna sulle affermazioni fatte alcune giorni fa: "Non sono stati necessari 15 giorni, ne sono bastati 2 o 3 per dire che avevo maledettamente ragione. Se devo attenermi ai dati del laboratorio di ricerca che dirigo, negli ultimi giorni i casi sono molto spesso legati a varianti covid".


Il professore, parlando dell'impatto delle varianti covid, aveva 'pronosticato' effetti evidenti in 15 giorni.


L'impatto delle varianti del coronavirus, in Lombardia, sono già evidenti: "Non faccio altri numeri che riguardano il mio ospedale. Il virus è grosso, quello dell'aids e dell'epatite C sono più piccoli e cambiano molto di più. Questo cambia meno, ma le mutazioni ci sono e il virus può imporsi con la nuova variante. Quella inglese ha una capacità di diffusione superiore del 40%".


L'ondata si è consolidata? "Credo e temo che sia in atto, in base alle informazioni che ho. Ma bisogna forse chiedere a chi deve detenere questi dati per definizione. Le informazioni di prima mano arrivano in regione dagli ospedali e dalla periferia organizzativa, dalla regione vengono trasmessi a Roma., Se devo attenermi ai dati del laboratorio di ricerca che dirigo, negli ultimi giorni i casi sono molto spesso varianti. Anche se a Milano non ci sono ancora segnali pesantissimi, in altre aree della regione i problemi sono seri".