Gasparri e la destra attaccano ancora il sindaco di Bari: "La ribellione preventiva di Decaro è eccessiva"
Top

Gasparri e la destra attaccano ancora il sindaco di Bari: "La ribellione preventiva di Decaro è eccessiva"

Gasparri contro il sindaco di Bari: "Anche questo piccolo episodio denota una concezione padronale delle istituzioni. La ribellione preventiva di Decaro è eccessiva"

Gasparri e la destra attaccano ancora il sindaco di Bari: "La ribellione preventiva di Decaro è eccessiva"
Maurizio Gasparri
Preroll

globalist Modifica articolo

21 Marzo 2024 - 10.28


ATF

L’attacco politico della destra al comune di Bari, qualche mese prima delle elezioni regionali, è un fatto istituzionale che desta più di qualche preoccupazione. Intervenuto a La7, il presidente dei senatori di Forza Italia Maurizio Gasparri non ha di certo abbassato i toni e ha attaccato ancora il sindaco del capoluogo pugliese Antonio Decaro.

“Non fa piacere a nessuno vedere una grande città italiana importante come Bari, alla quale tutti siamo legati, immersa in questa vicenda. La Commissione di accesso, che è stata commentata con un po’ di teatralità da Decaro in una conferenza stampa, farà le sue valutazioni e deciderà se sciogliere o meno il Comune. Ma è grave che ieri alcuni funzionari dell’Anci, di cui Decaro è presidente, abbiano chiesto ai sindaci e agli amministratori di firmare un documento di solidarietà nei suoi confronti. Perché anche questo piccolo episodio denota una concezione padronale delle istituzioni. La ribellione preventiva di Decaro è eccessiva”.

«Ieri il ministro dell’Interno Piantedosi – continua – ha ricordato che in diversi Comuni italiani è stata nominata una Commissione per alcuni accertamenti e tanti di questi sono stati sciolti. E molti erano amministrati dal centrodestra a dimostrazione che quella di Piantedosi non è una scelta ideologica. Decaro affronti la situazione. La gestione del potere a Bari appare discutibile. E quando Decaro afferma che alcuni di quei consiglieri arrestati erano stati eletti nelle liste civiche di centrodestra bisogna puntualizzare che, molti di loro, sono poi transitati nelle file di sinistra. E guarda caso quella pratica, di quel finanziamento di quella determinata opera, correva più velocemente. Ma questo é un caso o forse no».

Leggi anche:  Gasparri 'insulta' Roberto e Ilaria Salis: "Se il padre l'avesse educata meglio oggi avrebbe un problema in meno"

«Valutazioni in ogni caso saranno fatte dalle autorità competenti ai quali non ci si può ribellare. Tutti siamo stati sottoposti ad accertamenti nella vita e si devono accettare. Il resto lo diremo domani in una conferenza stampa che terrò a Bari”.

Native

Articoli correlati