Mattarella scrive a Papa Francesco nell'anniversario della sua elezione: "Continuiamo a parlare di Pace"
Top

Mattarella scrive a Papa Francesco nell'anniversario della sua elezione: "Continuiamo a parlare di Pace"

Mattarella a Papa Francesco: "Credenti e non credenti sono chiamati a confrontarsi per individuare risposte coerenti con la tutela della dignità umana e con la promozione, in ogni ambito e circostanza, del bene comune".

Mattarella scrive a Papa Francesco nell'anniversario della sua elezione: "Continuiamo a parlare di Pace"
Papa Francesco e Sergio Mattarella
Preroll

globalist Modifica articolo

19 Marzo 2024 - 09.43


ATF

Sergio Mattarella ha scritto a Papa Francesco, nel giorno dell’11esimo anniversario della sua elezioni al Soglio Pontificio. 

«In occasione dell’undicesimo anniversario del solenne inizio del Pontificato desidero farLe pervenire i più sentiti auguri di ogni benessere e di proficua continuazione del Suo alto Magistero. Nel corso dell’ultimo anno i Suoi incessanti appelli alla tutela dei bisognosi, degli emarginati, di coloro che soffrono a causa di conflitti e violenza, e alla pace hanno offerto spunti di riflessione per quanti sono sinceramente impegnati nella ricerca di soluzioni ispirate a fondamentali principi di diritto internazionale e a criteri di giustizia e di autentica equità».

«Di fronte alle principali sfide del nostro tempo – non soltanto le guerre, ma anche le crescenti disparità economiche e sociali, i rischi ambientali e le ricadute etiche dell’utilizzo dell’intelligenza artificiale – credenti e non credenti sono chiamati a confrontarsi per individuare risposte coerenti con la tutela della dignità umana e con la promozione, in ogni ambito e circostanza, del bene comune».

«Poche settimane orsono abbiamo ricordato il 95 anniversario dei Patti Lateranensi e il 40 del Concordato Repubblicano. Nella certezza che il raggiungimento di tali storici traguardi abbia ulteriormente consolidato la feconda collaborazione tra la Santa Sede e l’Italia desidero manifestarLe la mia profonda gratitudine per la premura nei confronti del popolo italiano, testimoniata anche dalle visite apostoliche a Venezia, Verona e Trieste che Ella si accinge a compiere». 

Leggi anche:  Perché attraverso lo sport si mette in gioco la speranza di un mondo migliore

«Santità, in questo giorno così rilevante per la Sua persona e per la Chiesa cattolica tutta, a nome della Repubblica Italiana La prego di accogliere i più fervidi e affettuosi auguri. Ad essi mi unisco sinceramente, estendendoli anche alle imminenti festività pasquali, con l’auspicio che queste ultime possano dischiudere nuovi orizzonti di speranza» conclude Mattarella. 

Native

Articoli correlati