Famiglie Arcobaleno, Piantedosi impugna la sentenza del Tribunale di Padova: l'accanimento della destra non si ferma
Top

Famiglie Arcobaleno, Piantedosi impugna la sentenza del Tribunale di Padova: l'accanimento della destra non si ferma

Il Ministero dell'Interno ha impugnato la decisione del Tribunale di Padova e si scaglia con veemenza contro i diritti delle coppie dello stesso sesso e dei loro figli.

Famiglie Arcobaleno, Piantedosi impugna la sentenza del Tribunale di Padova: l'accanimento della destra non si ferma
Matteo Piantedosi
Preroll

globalist Modifica articolo

15 Marzo 2024 - 12.07


ATF

Dopo la sentenza del Tribunale di Padova che dava ragione alle Famiglie Arcobaleno sulla registrazione all’anagrafe dei figli di coppie omogenitoriali, il Ministero dell’Interno ha impugnato la decisione e si scaglia con veemenza contro i diritti delle coppie dello stesso sesso e dei loro figli.

Il Viminale, tramite l’Avvocatura distrettuale del Veneto ha infatti presentato alla Corte d’appello di Venezia gran parte dei ricorsi – vanno fatti su ogni singolo provvedimento – alle 37 sentenze dei giudici civili di Padova, i quali a febbraio avevano dichiarato l’inammissibilità dell’azione della Procura.

I magistrati, sulla base di una circolare del Ministero, avevano infatti chiesto la cancellazione dai registri dell’anagrafe del cognome della madre non biologica (cosiddetta intenzionale) dei bimbi con due mamme. Una sconfitta `procedurale´ per la Procura, dato che, secondo il Tribunale, i ricorsi non potevano riferirsi alla semplice trascrizione anagrafica, ma avrebbero dovuto intervenire sullo status del figlio. E questo, pur inquadrando il pronunciamento in un quadro giuridico che «deve tutelare l’interesse prevalente del bambino» a vivere «in una relazione stabile», anche in mancanza del legame biologico con i genitori.

Leggi anche:  Guerra di Gaza, il governo Meloni cambia la parola "catastrofe" in "crisi". Le opposizioni: "Non vi vergognate?"

Ora l’appello del ministro Matteo Piantedosi. Secondo l’Avvocatura distrettuale le sentenze del Tribunale sono state di «natura processuale» e non sono entrate nel merito della questione, ovvero il riconoscimento formale di bambini e bambini figli di coppie dello stesso sesso.

Native

Articoli correlati