La renziana Boschi 'disturba' le prove di alleanza tra Pd e M5s: "Non so fino a quando Schlein vorrà inseguire Conte"
Top

La renziana Boschi 'disturba' le prove di alleanza tra Pd e M5s: "Non so fino a quando Schlein vorrà inseguire Conte"

Maria Elena Boschi: "I 5 Stelle fanno accordi col Pd solo se sono loro a scegliere il candidato. Io non so fino a quando il Pd e Schlein possano inseguire Conte sui temi e sui candidati".

La renziana Boschi 'disturba' le prove di alleanza tra Pd e M5s: "Non so fino a quando Schlein vorrà inseguire Conte"
Maria Elena Boschi e Elly Schlein
Preroll

globalist Modifica articolo

1 Marzo 2024 - 13.23


ATF

Matteo Renzi non ha preso bene il successo elettorale dell’alleanza Pd e M5s in Sardegna, nonostante le frasi di circostanza nelle ore successive al verdetto delle urne. Maria Elena Boschi, ospite del Forum Adnkronos, ha provato a gettare ombre sulle future alleanze nel campo del centrosinistra.

 «La grande alleanza Schlein-Conte sposta il Pd sulle posizioni di Conte, non il contrario. Questo però sposta l’asse su una politica basata sui sussidi, sul giustizialismo, su una posizione internazionale che Conte definirebbe `pacifista´ mentre io dico che è più verso la Russia che l’Ucraina. Ci sono nodi che vengono al pettine».

«E soprattutto c’è un tema: i 5 Stelle fanno accordi col Pd solo se sono loro a scegliere il candidato. Io non so fino a quando il Pd e Schlein possano inseguire Conte sui temi e sui candidati. Anche sul terzo mandato: il Pd ha votato contro per rompere l’asse con i 5 Stelle mentre tutti i loro governatori e sindaci erano a favore del terzo mandato. Ci sarà una volta che i 5 Stelle votano per non rompere l’asse con il Pd?».

Leggi anche:  Schlein: "La destra tifava per la Brexit e l'uscita dall'euro, noi amiamo l'Europa e vogliamo cambiarla"

«Noi in quest’asse con Conte non ci siamo. Abbiamo rischiato l’osso del collo per mandare a casa Conte e portare Draghi, pensare di avere di nuovo Conte come leader del centrosinistra mi pare complicato… non è un tema di persone, ma di contenuti. E non vorrei che il Pd tornasse al Conte o morte, a Conte leader dei progressisti. Conte è quello che ha firmato i decreti Salvini, che non sa scegliere tra Trump e Biden».

Native

Articoli correlati