Libertà d'informazione, la lettera di Avs ai leader dell'opposizione: "Cari Elly, Giuseppe, Carlo, Matteo, Riccardo..."
Top

Libertà d'informazione, la lettera di Avs ai leader dell'opposizione: "Cari Elly, Giuseppe, Carlo, Matteo, Riccardo..."

Bonelli e Fratoianni: "Questa mattina abbiamo scritto una lettera a Elly Schlein, Giuseppe Conte, Carlo Calenda, Matteo Renzi e Riccardo Magi per vedere se è possibile convergere su un'iniziativa politica sulla libertà di informazione"

Libertà d'informazione, la lettera di Avs ai leader dell'opposizione: "Cari Elly, Giuseppe, Carlo, Matteo, Riccardo..."
Angelo Bonelli e Nicola Fratoianni
Preroll

globalist Modifica articolo

31 Gennaio 2024 - 14.01


ATF

Alleanza Verdi e Sinistra ha inviato una lettera ai leader di tutti i partiti di opposizione al Governo Meloni, concentrandosi sull’obiettivo della libertà di stampa e della qualità dell’informazione. A esporre i contenuti della lettera sono stati Nicola Fratoianni e Angelo Bonelli.

«Questa mattina abbiamo scritto una lettera a Elly Schlein, Giuseppe Conte, Carlo Calenda, Matteo Renzi e Riccardo Magi per vedere se è possibile convergere su un’iniziativa politica che metta al centro questi temi in difesa della libertà di informazione, perché riteniamo che su questo serva una battaglia parlamentare comune». 

«Quello della libertà di informazione è un gigantesco tema politico. Noi con questa mozione non vogliamo avere la verità in tasca ma vogliamo confrontarci con chiunque. Vogliamo dare un approccio di sistema. Per questo abbiamo scritto agli altri leader delle opposizioni per dire `vediamoci e discutiamo´. Poi se vogliono venire anche dalla maggioranza, ne dubito, ma sono i benvenuti. Ma per le opposizioni questo è un tema che non può essere rinviato. E’ arrivato il momento di fare un passetto in più e mettersi a servizio di un lavoro per produrre risultati, non per piantare una bandiera che produca un pezzo di visibilità in più, legittimo per carità. Sta diventando un’emergenza e occorre un salto di qualità».  

Leggi anche:  Par condicio, la presidente della Commissione di Vigilanza Rai: "E' alto il rischio di falsare la campagna elettorale"

«Cari Elly, Giuseppe, Carlo, Matteo, Riccardo – si legge nella lettera firmata da Bonelli e Fratoianni ai leader delle altre opposizioni – La libertà e l’indipendenza dell’informazione è una questione di enorme portata perché ha a che fare direttamente con la qualità di una democrazia. La situazione che stiamo vivendo in Italia dopo l’arrivo della destra al governo del Paese è particolarmente preoccupante, ma non possiamo considerarla del tutto inedita. Si tratta di affrontare una materia che va dal sistema dell’informazione radiotelevisiva pubblica alle pressioni e alle intrusioni della politica al suo interno; alla condizione più generale della professione giornalistica, indebolita sempre più dall’abuso del precariato da parte degli editori, minacciata da leggi bavaglio o dalla pratica intimidatoria sempre più diffusa delle cosiddette querele temerarie. Per questo ti proponiamo di vederci per poter discutere di una o di più proposte che possano misurarsi con questa vicenda anche e soprattutto oltre la dimensione della battaglia politica quotidiana, e per definire possibili campagne di mobilitazione su questo tema così decisivo per la libertà e la democrazia». 

Leggi anche:  Benzina, Renzi attacca Giorgia Meloni: "Ha preso in giro gli italiani, sono una banda di influencer incapaci"

«Da parte nostra stiamo predisponendo alcune proposte su questi temi e siamo disponibili a confrontarci con la massima apertura. Crediamo che sarebbe utile incontrarsi per avviare un confronto capace di coinvolgere quanti in questi anni si sono mobilitati nella società civile, nelle organizzazioni sociali e nelle associazioni professionali del mondo giornalistico e della cultura».

Native

Articoli correlati