Calenda contro Landini: "Metodi stalinisti, lo aspetto in tv per un confronto"
Top

Calenda contro Landini: "Metodi stalinisti, lo aspetto in tv per un confronto"

Calenda: "Io sfido Landini a fare un confronto televisivo su quello che è successo su Stellantis e Marelli e sul silenzio del suo sindacato e di tutto il mondo della sinistra, inclusa Schlein"

Calenda contro Landini: "Metodi stalinisti, lo aspetto in tv per un confronto"
La protesta dei lavoratori della Magneti Marelli contro Carlo Calenda
Preroll

globalist Modifica articolo

2 Ottobre 2023 - 10.00


ATF

Carlo Calenda non è stato ben accolto – ed è un eufemismo – al presidio di Cgil e Fiom sotto la sede Magneti Marelli di Crevalcore. Un’indifferenza che il leader di Azione non ha accolto con sportività. «Il giorno prima la Cgil bolognese ha mandato una circolare in cui invitava tutti gli iscritti a presentarsi ai cancelli per difendere il sindacato, cioè Landini, da Calenda. Cose da stalinismo anni ’50. Si sono presentati in trenta della Fiom».

Così al Corriere della Sera il leader di Azione Carlo Calenda, parlando del caso della Marelli. «Quando io sono arrivato – aggiunge – loro hanno fatto questa sceneggiata di andarsen,e ma poi sui social a me sono arrivate decine di messaggi di operai della Marelli che lì davanti non c’erano perché era sabato e l’azienda era chiusa. Gli operai sanno benissimo che non è stato fatto niente per difenderli».

«La chiusura di quello stabilimento è parte del processo di chiusura dell’automotive in Italia. Mi farò fabbrica per fabbrica davanti ai cancelli di Magneti Marelli e di Stellantis per spiegare perché non mollo su questo. Il nostro Paese, dopo la guerra, è rinato sull’automotive e adesso non possiamo perdere questo settore in silenzio per fare un favore a Elkann. Non è giusto che poi quando dice `io chiudo le fabbriche se non mi finanziate il dividendo´ lo Stato chini la testa».

Leggi anche:  Referendum sul lavoro, Fratoianni: "Ottima notizia aver raggiunto le 500mila firme, noi al fianco della Cgil"

«Io sfido Landini a fare un confronto televisivo su quello che è successo su Stellantis e Marelli e sul silenzio del suo sindacato e di tutto il mondo della sinistra, inclusa Schlein, che è andata lì a dire il nulla, perché nessuno di loro è in grado di pronunciare la parola Stellantis per non fare innervosire Elkann e i suoi giornali».

Native

Articoli correlati