Carlo Nordio: "La politica smetta di inchinarsi ai magistrati"
Top

Carlo Nordio: "La politica smetta di inchinarsi ai magistrati"

Carlo Nordio: "La colpa è della politica che ha rinunciato al suo ruolo preminente e che si è chinata davanti alle critiche della magistratura".

Carlo Nordio: "La politica smetta di inchinarsi ai magistrati"
Carlo Nordio
Preroll

globalist Modifica articolo

11 Luglio 2023 - 10.15


ATF

In un’intervista a Libero, il ministro della Giustizia Carlo Nordio ha parlato dei vari scandali che hanno scosso il governo Meloni, puntando però il dito contro i magistrati. Una vecchia e cara abitudine dei governi di destra. Secondo Nordio, i casi Santanché, Delmastro e La Russa «sono fatti tra loro indipendenti e mi rifiuto di pensare a dei magistrati che vogliono interferire nell’azione governativa attraverso azioni giudiziarie. Non si può però negare che ogni volta che si sia provato a fare una riforma della giustizia è sempre stata bloccata con interventi giudiziari».

«La colpa però non deriva da una serie di attacchi della magistratura che possono essere di ordine tecnico, o di ordine politico. La colpa è della politica che ha rinunciato al suo ruolo preminente e che si è chinata davanti alle critiche della magistratura. La colpa della politica è stata quella di aderire o meglio inchinarsi alla magistratura senza dire: `noi ascoltiamo le vostre opinioni ma alla fine decidiamo noi e solo noi perché abbiamo un mandato che secondo la Costituzione deriva dal popolo´».

Leggi anche:  Strage di Suviana, Licia Ronzulli accusa di sciacallaggio la Cgil: "Scioperano mentre ci sono ancora corpi da trovare"

«Non mi pare che la presidente del Consiglio abbia pronunciato una sola parola contro la magistratura. Queste reazioni di voler delegittimare i magistrati quando si criticano alcune loro iniziative è quasi una reazione automatica da parte dell’Associazione».

«Se i magistrati si arrabbiano quando noi critichiamo il loro operato, allora anche i politici hanno ragione di arrabbiarsi quando vengono inquisiti dai magistrati. Nel mio mondo ideale i magistrati non dovrebbero criticare le leggi e politici no dovrebbero criticare le sentenze», aggiunge il ministro della Giustizia.

«Una settimana fa ho incontrato i rappresentanti dell’Anm e Santalucia al ministero. Abbiamo cercato di individuare i punti che ci uniscono che di più di quelli che ci dividono. A noi interessa essenzialmente una giustizia efficiente, rapida ed equa», ha concluso.

Native

Articoli correlati