Mattarella: "La Ue ha gettato le fondamenta per una pace duratura, ora serve unità"
Top

Mattarella: "La Ue ha gettato le fondamenta per una pace duratura, ora serve unità"

Sergio Mattarella ha inviato un messaggio alla conferenza “The State of the Union” di Firenze. "L'Europa ha dimostrato di sapere affrontare le sfide e le crisi più difficili, emergendone più forte e coesa".

Mattarella: "La Ue ha gettato le fondamenta per una pace duratura, ora serve unità"
Sergio Mattarella in visita in Polonia
Preroll

globalist Modifica articolo

4 Maggio 2023 - 11.03


ATF

Sergio Mattarella ha inviato un messaggio alla conferenza “The State of the Union” che si tiene a Firenze. Un’occasione per fare il punto sulla situazione dell’Unione Europea di fronte alla crisi creata dalla guerra in Ucraina e non solo. 

«L’Unione sta affrontando di nuovo emergenze globali di portata epocale, pandemia, conseguenze drammatiche del cambiamento climatico, flussi migratori incontrollati, l’ingiustificabile aggressione della Federazione Russa all’Ucraina e le sue devastanti conseguenze umanitarie, geo-politiche ed economiche. Prove che hanno offerto e richiedono ancora unità, solidarietà e uno sforzo congiunto nel difendere i valori senza i quali l’Unione non avrebbe motivo di essere: Stato di diritto, libertà fondamentali, democrazia». 

«L’Europa ha dimostrato di sapere affrontare le sfide e le crisi più difficili, emergendone più forte e coesa. Le ragioni del patto fondativo europeo sono più che mai attuali. Oggi è, più che mai, necessario continuare la costruzione europea, con coraggio. Nei momenti di maggiore difficoltà rinnovarsi è essenziale e risolutivo». 

Lo Stato dell’Unione che si riunisce anche quest’anno a Fiesole è «un’occasione preziosa per riflettere sul progetto europeo in un momento storico cruciale per il nostro continente e a pochi giorni dall’anniversario del 9 maggio, festa dell’Europa».

Leggi anche:  Mattarella ricorda Berlinguer a 40 anni dalla morte: "Ha difeso la Costituzione e la vita democratica del Paese"

«L’Europa, nel momento più incerto e sconfortante della sua storia, seppe fare dell’improbabile il possibile. I popoli europei, al termine di una guerra sanguinosa e fratricida, si unirono decidendo di costruire assieme il proprio futuro, ponendo le fondamenta per una pace duratura», ha ricordato il presidente. «Da allora, si è dato avvio ad un percorso comune che, non senza difficoltà, contraddizioni e anche fallimenti, prosegue lungo la sua traiettoria, rappresentando un’esperienza di successo».

Native

Articoli correlati