Migranti dalla Tunisia: quando per molto meno Salvini 'sbranava' Lamorgese
Top

Migranti dalla Tunisia: quando per molto meno Salvini 'sbranava' Lamorgese

Oggi Giorgia Meloni per giustificare l'aumento degli sbarchi si aggrappa alla crisi tunisina. Ma la crisi Tunisia viene da lontano e un paio di anni fa per molto meno 'lapidavano' politicamente la ministra Lamorgese.

Migranti dalla Tunisia: quando per molto meno Salvini 'sbranava' Lamorgese
Preroll

globalist Modifica articolo

15 Marzo 2023 - 16.36


ATF

Mentre a Palazzo Chigi si è insediato il governo reazionario gli sbarchi sono aumentati. Ossia quegli stessi sbarchi sui quali l’strema destra ci ha giocato la campagna elettorale promettendo impossibili e illegali blocchi navali, la chiusura dei porti e l’incapacità altrui di fermare le partenze.

Ora che gli sbarchi sono aumentati di sei volta la destra post-fascista e quella post-putiniana al potere hanno dato fondo agli alibi, dando sempre la colpa a qualcun altro. Prima all’Europa che non interviene, poi a Frontex che non avvisa, poi al Gruppo Wagner e adesso alla crisi tunisina.

Peccato – per fermarci alla crisi tunisina – che questo è un problema che viene da lontano e che si era manifestato in maniera evidenta già ai tempo del Conte 2 che del governo Draghi. Ma allora lo sport dell’estrema destra era quello di attaccare Luciana Lamorgese.

All’epoca sia Lamorgese che Di Maio erano andati in Tunisia (ben due volte) a offrire assistenza e soldi per un maggior controllo delle corte. Ma il vento non si può fermare con le mani.

Leggi anche:  Renzi parla per la prima volta bene di Elly Schlein: "Dire niente veti è una formula vincente e unificante"

Lamorgese disse: “In Tunisia assistiamo a una crisi economica molto grave, senza precedenti. Una crisi che riguarda da vicino anche l’Italia perché ha effetti di ricaduta immediata con flussi eccezionali di sbarchi di migranti. La situazione va tenuta costantemente sotto controllo”.

La risposta di Salvini e il coro degli estremisti di destra fu sprezzante: ” Il Viminale si accorge solo ora di dover fermare i flussi dalla Tunisia, con centinaia di immigrati in fuga dai centri di accoglienza e silenzio totale sulla redistribuzione degli immigrati all’estero. Mentre i clandestini arrivano a frotte, anche con barboncini evidentemente scampati ai lager libici, giovedì il Senato deciderà se devo essere processato per aver difeso i confini. Orgoglioso di aver protetto l’Italia e gli italiani: la rifarei e lo rifarò”.

Aggiunse Salvini: “Abbiamo un governo di incompetenti e di complici degli sbarchi. Non serve mandare altri militari ma chiudere i porti che vanno sigillati. Io l’ho fatto e vado a processo per quello, invece dovrebbero andarci chi aiuta i trafficanti”.

Leggi anche:  Gli xenofobi putiniani di Le Pen perdono e Salvini la prende male: "Esultano teppisti e filo-islamici..."

E in altra occasione per sottolineare l’inadeguatezza del governo: “Occorre intervenire. Anche perché ogni sbarco porta circa 5 mila dollari nelle tasche degli scafisti che così comprano armi e droga, quindi noi stiamo sostanzialmente finanziando il traffico internazionale di armi e droga perché questi non sono naufraghi, sono viaggi scientificamente organizzati soprattutto dalla Tunisia”.

Ora a parti inverse mente la premier Meloni usa le stesse parole di Lamorgese il vice-premer tace. Per coerenza dovrebbe chiedere le dimissioni e governo, cominciando proprio da lui.

Native

Articoli correlati