Top

Cuperlo: "Chi ha votato che Ruby era la nipote di Mubarak dovrebbe scusarsi e poi tacere"

Il deputato e candidato alla guida del Pd, Gianni Cuperlo replica alla campagna di vittimismo di Berlusconi

Cuperlo: "Chi ha votato che Ruby era la nipote di Mubarak dovrebbe scusarsi e poi tacere"
Gianni Cuperlo

globalist Modifica articolo

16 Febbraio 2023 - 16.00


Preroll

Berlusconi fa la vittima e la destra accompagnata dalla Rai ormai in versione Istituto Luce hanno lanciato una campagna che tralascia alcuni particolari. Anzitutto che l’assoluzione è in primo grado. Poi che Berlusconi è stato assolto per una questione tecnica, ossia perché le testimonianze delle Olgettine non sono state considerate acquisibili e altro.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Ma quello che non si ricorda è la telefonata di Silvio Berlusconi alla questura di Milano dopo aver saputo del fermo di Ruby e la sua consegna a Nicole Minetti. La storia di Ruby la nipote di Mubarak, le condanne definitive delle persone che portavano le signorine alle famose cene eleganti. Roba che politicamente è un orrore, considerando che si parlava di un premier in carica.

Middle placement Mobile

Gianni Cuperlo se lo ricorda: «Forse chi ha votato nel Parlamento della Repubblica che una giovane donna era nipote di un capo di Stato straniero dovrebbe solamente scusarsi e poi tacere. Questo in un paese normale. Un abbraccio». Lo scrive sui social il deputato e candidato alla guida del Pd, Gianni Cuperlo.

Dynamic 1

Il congresso del Pd

Ha poi detto Cuperlo sul congresso: “Cari amici e compagni, amiche e compagne, non è un derby ma un congresso. Non si fa il tifo, si ragiona. Non si trattano posti, si pensa. Non si gufa contro qualcuno, si partecipa perché si vuole dare una mano. Noi nel nuovo Pd ci crediamo”. 

Dynamic 2
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile