Top

Bonelli su Crosetto: "Chi ha fatto il lobbista delle armi non può guidare la Difesa, modificare la legge"

Il co-portavoce di Europa Verde Angelo Bonelli, deputato di Alleanza Verdi e Sinistra: "La nota di stamattina del ministero della difesa è di una gravità inaudita"

Bonelli su Crosetto: "Chi ha fatto il lobbista delle armi non può guidare la Difesa, modificare la legge"
Angelo Bonelli

globalist Modifica articolo

29 Ottobre 2022 - 16.54


Preroll

Conflitto di interessi? O solo questione di opportunità politica? Il dbattito è aperto e Angelo Bonelli dei Verdi va all’attacco.

OutStream Desktop
Top right Mobile

“La nota di stamattina del ministero della difesa è di una gravità inaudita. Chi ha firmato quella nota? La segreteria del ministro o gli uffici del ministero? Che il ministero della difesa (chi?, ribadiamo) mandi alle agenzie di stampa una nota con la quale esalta quanto nelle sue attività lavorative private abbia Crosetto abbia perseguito gli interessi pubblici e rafforzato le imprese produttrici di armi, conferma la sconvenienza della nomina a ministro dello stesso. E serve anche a corroborare l’inopportunità del comunicato stampa di oggi del ministero della difesa, che non è certo chiamato a dare pagelle o voti.»

Middle placement Mobile

Cosi in una nota il co-portavoce di Europa Verde Angelo Bonelli, deputato di Alleanza Verdi e Sinistra.

Dynamic 1

«Dal comunicato si evince che il ruolo di ministro della Difesa non possa essere assunto da chi non abbia lavorato nelle industrie delle armi o che non ne abbia curato gli interessi. Esattamente il contrario del buon senso e fuori dai dettami costituzionaliì».

«Ricordo – prosegue Bonelli – che l’attuale ministro in un’intervista del 18 agosto 2022 a domanda chiara del cronista di TPI: `Ho capito, lei farà il ministro della Difesa?´, aveva risposto `Io sono l’ultimo dei problemi. Mi sembrerebbe inopportuno, dato il mio lavoro´».

Dynamic 2

«Alla nota del ministero della Difesa rispondo che sappiamo che a norma di legge non esiste un conflitto d’interessi ed è per questa ragione che abbiamo presentato un emendamento per modificare la legge Frattini. Secondo noi chi ha fatto il lobbista per le industrie delle armi e guadagnando in questo modo milioni di euro non può fare ministro della Difesa, e due mesi fa anche lo stesso Crosetto era d’accordo con noi», conclude Bonelli

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile