Giorgia Meloni, l'endorsement del Cardinale Ruini: "Una leader tosta, a sinistra nessuna come lei..."
Top

Giorgia Meloni, l'endorsement del Cardinale Ruini: "Una leader tosta, a sinistra nessuna come lei..."

pida nell'inquadrare i problemi. Ha esperienza politica, ma poca esperienza di governo. In questo dovrà imparare molto».

Giorgia Meloni, l'endorsement del Cardinale Ruini: "Una leader tosta, a sinistra nessuna come lei..."
Camillo Ruini
Preroll

globalist Modifica articolo

28 Settembre 2022 - 10.49


ATF

Giorgia Meloni sarà con tutta probabilità la nuova Presidente del Consiglio, un risultato che il Cardinale Camillo Ruini ha commentato sulle colonne del Corriere della Sera. Un risultato che, secondo il prelato, non sarebbe attribuibile al voto di protesta. “La protesta si è sfogata nell’astensione. È vero invece che in lei molti hanno visto un leader. Me l’aspettavo perché vedevo la sua ascesa. Mentre a sinistra non mi pare ci siano oggi donne di grande rilievo politico», ha detto Ruini, spiegando di aver incontrato tre volte la leader di FdI. «La prima parecchi anni fa, quando ancora molto giovane era ministro nell’ultimo governo Berlusconi. Le altre due volte l’ho incontrata in questi ultimi anni», ha rievocato.

Ruini ha trovato Meloni «una persona simpatica e tosta, come si dice a Roma: mi è sembrata molto perspicace, rapida nell’inquadrare i problemi. Ha esperienza politica, ma poca esperienza di governo. In questo dovrà imparare molto», ha osservato l’ex presidente dei vescovi. «

Leggi anche:  La Santa Sede alla Biennale di Venezia tra arte e impegno civile, tra bellezza e lotta allo scarto

Non saprei quanto sia competente in economia», ha aggiunto, «l’importante è che scelga i ministri `giusti´, in una situazione economica estremamente difficile per l’Italia e per l’Europa». Sul quadro uscito dalle urne, l’ex presidente della Cei osserva che «la cultura politica prevalente è a sinistra; ma il Paese è in buona parte a destra, anche se in maniera meno netta. È una contraddizione che esiste in tutte le democrazie: gli intellettuali spesso sono progressisti; la gente bada agli interessi concreti e tende a essere più conservatrice. Ora il distacco tra èlites e popolo si è fatto più evidente; anche se poi, come sta accadendo anche in questi giorni, le èlites tendono ad allinearsi…».

Native

Articoli correlati