Piacenza torna al centrosinitra: Katia Tarasconi del Pd nuova sindaca
Top

Piacenza torna al centrosinitra: Katia Tarasconi del Pd nuova sindaca

Katia Tarasconi, consigliera regionale del Pd è la nuova sindaca della città. Al ballottaggio ha sconfitto con il 53% la uscente Patrizia Barbieri

Piacenza torna al centrosinitra: Katia Tarasconi del Pd nuova sindaca
Katia Tarasconi nuova sindaca di Piacenza
Preroll

globalist Modifica articolo

27 Giugno 2022 - 00.15


ATF

Il centrosinistra riconquista Piacenza: Katia Tarasconi, consigliera regionale del Pd è la nuova sindaca della città. Al ballottaggio ha sconfitto con il 53% la uscente Patrizia Barbieri che ha governato, civica alla guida di una coalizione della quale hanno fatto parte tutti i partiti di centrodestra, Piacenza negli ultimi cinque anni. In una delle poche sfide tutte al femminile di questa tornata elettorale amministrativa.

Tarasconi ha 48 anni, cresciuta fra Piacenza e gli Stati Uniti, è stata assessore comunale nella precedente giunta di centrosinistra poi, alle regionali del 2020 è entrata in consiglio regionale. Già al primo turno la sua coalizione aveva fatto segnare un inatteso vantaggio (40 a 38) nei confronti della sua sfidante.

Il centrosinistra, a Piacenza, non era riuscito a presentarsi in maniera compatta: Stefano Cugini, candidato di Alternativa per Piacenza è sostenuto anche dal Movimento 5 Stelle, aveva infatti superato il 10%: un risultato che, se sommato con quello di Tarasconi, avrebbe voluto dire maggioranza assoluta. In vista del ballottaggio non ci sono stati apparentamenti, ma il consenso per Tarasconi è stato sufficiente per la riconquista della città.

Leggi anche:  Travolge e uccide una 91enne sulle strisce pedonali: il conducente del furgone risulta positivo all'alcol test

I partiti del centrodestra, che per cinque anni sono andati sostanzialmente d’accordo al sostegno di Barbieri, peraltro in anni particolarmente difficili con Piacenza fra le città più colpite dalla prima ondata della pandemia, si sono presentati compatti, tuttavia una crepa importante si è aperta con la candidatura dei Liberali Piacentini, guidati da uno storico protagonista della politica cittadina come Corrado Sforza Fogliani, che ha raccolto l’8%, criticando direttamente l’operato della sindaca.

Anche a Piacenza l’affluenza alle urne è stata molto bassa: ha votato infatti il 42,2% degli aventi diritto, undici punti percentuali in meno rispetto al primo turno. 

Native

Articoli correlati