Top

Riforma Cartabia, il Senato approva: cosa cambia con la nuova legge sul Csm

La ministra della Giustizia, Marta Cartabia, ha ricordato l'applauso del Parlamento il 3 febbraio all'invito espresso dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ad approvare in tempi brevi la riforma.

Riforma Cartabia, il Senato approva: cosa cambia con la nuova legge sul Csm
La ministra della Giustizia, Marta Cartabia

globalist

16 Giugno 2022 - 12.12


Preroll

La riforma Cartabia è legge, il Senato ha approvato in via definitiva con 173 si’, 37 no e 16 astenuti il Ddl con deleghe al Governo per la riforma dell’ordinamento giudiziario e per l’adeguamento dell’ordinamento giudiziario militare nonché disposizioni in materia ordinamentale, organizzativa e disciplinare, di eleggibilità e ricollocamento in ruolo dei magistrati e di costituzione e funzionamento del Csm. 

OutStream Desktop
Top right Mobile

Il provvedimento di 43 articoli ha avuto disco verde nel testo gia’ approvato dalla Camera. L’astensione e’ stata preannunciata da Iv mentre il voto contrario da FdI e Cal. La ministra della Giustizia, Marta Cartabia, ha ricordato l’applauso del Parlamento il 3 febbraio all’invito espresso dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ad approvare in tempi brevi la riforma: 

Middle placement Mobile

“Oggi – ha detto – siamo qui per mantenere quell’impegno e trasformare in legge dello Stato una proposta che viene da lontano e che e´ stata costruita con il contributo di molti”. Nella seduta di ieri erano stati votati e respinti tutti gli emendamenti, compreso uno in merito di custodia cautelare, su cui era stato chiesto dalla Lega il voto segreto. Questa mattina si sono svolte le dichiarazioni di voto e il voto.

Dynamic 1

Nel dettaglio, il Capo I (articoli da 1 a 6) prevede una delega al Governo per la riforma ordinamentale della magistratura da esercitare entro un anno dall’entrata in vigore della legge. Il Capo II (articoli da 7 a 14) novella alcune disposizioni dell’ordinamento giudiziario. Il Capo III (articoli da 15 a 20) interviene con disposizioni puntuali e immediatamente precettive sulla disciplina dello status dei magistrati ordinari, amministrativi, contabili e militari, con particolare riferimento alla loro eleggibilità, all’assunzione di incarichi di governo e al loro ricollocamento al termine del mandato. 

Il Capo IV (articoli da 21 a 39) contiene disposizioni immediatamente precettive, con le quali si modifica la legge 195 del 1958 sulla costituzione e sul funzionamento del Consiglio superiore della Magistratura. L’intervento incide sulla composizione ed organizzazione, sulle attribuzioni e sul funzionamento del Csm, sul sistema elettorale per la nomina dei componenti togati, sul loro ricollocamento al termine del mandato. Il Capo V reca la delega al Governo per il riassetto delle norme dell’ordinamento giudiziario militare e si compone del solo articolo 40. Il Capo VI contiene agli articoli 41 e 42 le disposizioni finali e finanziarie. L’articolo 43 prevede che la legge entri in vigore il giorno successivo alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

Dynamic 2
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile