Top

Cofferati: “Letta servo della Nato? Contestazioni inaccettabili”

L’ex leader della Cgil: “ C'è un Paese che è stato occupato da un invasore. Questi due soggetti non sono nelle stesse condizioni, non accetto l'idea del né né”.

Cofferati: “Letta servo della Nato? Contestazioni inaccettabili”
Sergio Cofferati

globalist

26 Aprile 2022 - 19.06


Preroll

Sergio Cofferati, in un’intervista a La Stampa, ha dichiarato: “Letta un servo della Nato? Non scherziamo. Il leader del Pd non è affatto subalterno alla Nato, queste contestazioni sono inaccettabili. Anche perché dimostrano mancanza di rispetto delle opinioni degli altri, la base della democrazia”.

OutStream Desktop
Top right Mobile

“C’è un Paese che è stato occupato da un invasore. Questi due soggetti non sono nelle stesse condizioni, non accetto l’idea del né né. Uno è l’aggredito e l’altro è l’aggressore. E l’aggredito sta subendo danni enormi sulla popolazione e sui beni materiali. I bambini e le donne uccisi sono ucraini, ma non sono soldati”, spiega l’ex leader della Cgil.

Middle placement Mobile

“Per evitare la resa degli ucraini dobbiamo aiutarli con le armi, con i medicinali , con tutto ciò che serve loro per difendersi e resistere”; prosegue Cofferati che poi spiega: “È realistica una sconfitta di Putin. Qualora, grazie alla resistenza e alle sanzioni, fosse costretto a trattare per stabilire quali debbano essere i rapporti tra i due Paesi, sul piano politico, economico e istituzionale. È evidente che per arrivare a questo obiettivo, un ruolo fondamentale riguarda l’Europa. Prima facciamo entrare Kiev nella Ue, prima mettiamo in campo sanzioni efficaci, applicate da tutta l’Europa, e prima riusciremo a costringere Putin a una trattativa seria”. 

Dynamic 1
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile