Top

Mattarella bis sconfitta della politica? In queste condizioni è stata la vittoria della politica

Abbiamo rischiato Berlusconi e il suo mercato delle vacche, abbiano rischiato la Casellati e le rose improbabili di Salvini e Meloni

Mattarella bis sconfitta della politica? In queste condizioni è stata la vittoria della politica

Gianni Cipriani Modifica articolo

29 Gennaio 2022 - 14.12


Preroll

Mattarella bis sconfitta della politica? No: vittoria della politica. O meglio una vittoria della politica date le condizioni attuali. Della politica, non dei partiti.

OutStream Desktop
Top right Mobile

La permanenza al Quirinale di uno dei migliori presidenti della repubblica è una garanzia per l’Italia e gli italiani che non meritavano di diventare una repubblica delle banane, come nelle volontà della destra.

Middle placement Mobile

Ci hanno provato in tutti i modi: prima a dire (senza averne i numeri) che il Quirinale spettasse alla destra. Poi a bloccare tutta la discussione mentre Silvio Berlusconi dava inizio ad un indecente mercato delle vacche cercando voltagabbana disposti a votarlo accompagnato da un coro di ruffiani, lacchè e trombettisti a comando magnificavano le gesta del padrone.

Dynamic 1

Poi ancora la destra che ha prodotto una rosa di candidati della serie ‘dio ci scampi e liberi’ che è stata fermamente rigettata.

E ancora il tentativo di spallata con l’ultras berlusconiana Maria Elisabetta Casellati, personaggio già miracolato per essere arrivato al Senato e che non è stata nemmeno votata dalla destra.

Dynamic 2

Di fronte a questo scenario e in questo parlamento frammentato è stato un capolavoro politico quello di Letta (e di Leu) di tenere sotto controllo le correnti interne e mantenere uno stretto contatto con M5s (a sua volta attraversato da pulsioni contrastanti) e respingere al mittente tutti i subdoli tentativi di spaccare il fronte progressista e tutta la retorica e le pressioni per ‘concedere’ alla destra il Quirinale. A maggior ragione attraverso rose improbabili, a dimostrazione della pochezza della destra che non a caso ha capi come Berlusconi, Salvini e Meloni più bravi a cavalcare la demagogia che a dimostrarsi “patrioti”.

In queste condizioni si può dire che è stato ottenuto il massimo e sono stati bonificati i pozzi avvelenati.

Dynamic 3

Certo a Mattarella viene chiesto un sacrificio e una forzatura nei suoi confronti c’è stata. Ma obiettivamente lui era la soluzione di gran lunga più auspicabile di tutti. Soprattutto – va ribadito – nelle condizioni attuali.

L’Italia e gli italiani hanno un motivo di orgoglio e di speranza di più.

Dynamic 4
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile