Rumors: Salvini incontra l'ambasciatore Massolo ex capo degli 007. La Lega smentisce
Top

Rumors: Salvini incontra l'ambasciatore Massolo ex capo degli 007. La Lega smentisce

Massolo, noto tra gli addetti ai lavori ma meno al grande pubblico, è un diplomatico italiano. Direttore del Dipartimento delle informazioni per la sicurezza, dal 2016 è presidente di Fincantieri. Una figura molto simile a Alessandra Belloni

Rumors: Salvini incontra l'ambasciatore Massolo ex capo degli 007. La Lega smentisce
Giampiero Massolo
Preroll

globalist Modifica articolo

27 Gennaio 2022 - 18.49


ATF

Salvini ha incontrato Giampiero Massolo e subito scattano i rumors per i motivi dell’incontro. Per il Quirinale, per un ipotetico governo post-Draghi o per altri motivi. La voce è stata rilanciata da Enrico Mentana.

Massolo, noto tra gli addetti ai lavori ma meno al grande pubblico, è un funzionario e diplomatico italiano. Direttore del Dipartimento delle informazioni per la sicurezza, dal 2016 è presidente di Fincantieri.

Una figura molto simile a quella di Alessandra Belloni.

Le Lega smentisce 

“Nelle ultime ore il segretario Matteo Salvini ha incontrato avvocati e docenti universitari, altre indiscrezioni sono prive di fondamento”. Lo precisano fonti della Lega.  Ovviamente nelle ultime ore non significa mai.

Chi è l’ambasciatore Massolo

 Dopo la laurea in scienze politiche nel 1976 presso l’Università Luiss, è entrato nella carriera diplomatica nel 1978. Dal 1980 al 1982 all’Ambasciata presso la Santa Sede, dal 1982 al 1985 all’ambasciata a Mosca come primo segretario, dal 1985 al 1988 alla Rappresentanza permanente presso l’Unione europea a Bruxelles. A partire dagli anni ‘90 è presso l’ufficio diplomatico del Presidente del Consiglio dei ministri, di cui nel 1993 diviene Consigliere diplomatico aggiunto. Nel 1994 è capo della segreteria particolare del Presidente del Consiglio dei ministri nel primo governo Berlusconi, e nel 1996 capo dell’ufficio stampa del Ministero degli Affari Esteri.

Leggi anche:  Europee, Salvini gioisce per Vannacci e per gli xenofobi di Le Pen: "Ci davano per morti ma siamo vivi e vivaci"

Dal 2000 al 2004 vicesegretario generale del Ministero degli Affari Esteri, poi diviene capo di gabinetto del Ministro degli Affari Esteri fino al 2006, quando assume l’incarico di direttore generale del personale. Nel 2006 viene nominato ambasciatore di rango e nel 2007 viene nominato Segretario generale del Ministero degli affari esteri, funzionario più alto in grado nella struttura amministrativa ministeriale. È stato inoltre “sherpa” italiano nel Summit G8 de L’Aquila del 2009. Nel 2012 il Comitato interministeriale per la sicurezza della Repubblica lo nomina direttore del Dipartimento delle informazioni per la sicurezza, in sostituzione di Gianni De Gennaro, nominato a sua volta sottosegretario.

Dopo aver lasciato l’incarico di coordinamento dei servizi nell’aprile 2016, un mese dopo diviene presidente di Fincantieri. Il 22 novembre 2016 viene eletto anche presidente dell’Istituto per gli studi di politica internazionale (ISPI) a decorrere dal 1º gennaio 2017. È membro del gruppo italiano della Commissione Trilaterale e del comitato esecutivo della sezione italiana dell’Aspen Institute.

Native

Articoli correlati