Gasparri dichiara guerra alla Cina, ma da dietro una tastiera
Top

Gasparri dichiara guerra alla Cina, ma da dietro una tastiera

L'ex missino ha cominciato ad attaccare Pechino dopo le Olimpiadi: "Si sono offesi per qualche mia battuta ma ribadisco che sono una vergogna"

Gasparri
Gasparri
Preroll

globalist Modifica articolo

11 Agosto 2021 - 12.31


ATF

Una macchietta dalla cui bocca esce di tutto e che è pagato da anni dagli italiani visto il suo ruolo in politica lautamente compensato. E ora con in suoi soliti toni tronfi ha scelto di dichiarare guerra alla Cina.

Tutto è partito da un tweet sulle Olimpiadi, ma ora si candida a diventare un caso diplomatico, più che social. Il senatore ex missino di Fi Maurizio Gasparri torna ad attaccare Pechino, dall’inquinamento agli Uiguri. Ecco cosa dice:

“I cinesi – afferma – si sono offesi per qualche mia battuta sulla rete.ribadisco che la Cina è una vergogna perché nega ogni tipo di diritto. Sfido le autorità diplomatiche cinese a un pubblico dibattito con me sulle tesi di Biden, non su quelle di Gasparri. Biden che si riteneva più amico della Cina del pessimo e cattivo Trump sta criticando i cinesi: è vero o no signori della rete che in Cina non c`è la democrazia? Quando si è votato l`ultima volta in Cina? Quali sono i sindacati liberi di operare in Cina? Quali sono le libertà concesse al popolo? C`è o non c`è concorrenza sleale ai prodotti occidentali grazie al fatto Che la Cina si sottrae a tutti i protocolli ambientali internazionali?”

Leggi anche:  Biden celebra il D-day e allude all'Ucraina: "La lotta tra dittature e libertà è senza fine"

Native

Articoli correlati