Top

Di Sotto dopo lo strappo di Grillo: "Il post ci ha stupiti, Sky Vote era pronta"

L' amministratore delegato della società che ha progettato il nuovo sistema di voto dei Cinque Stelle, dopo il divorzio da Rousseau: "Aspettavamo i dati, non so cosa accadrà"

Piattaforma Rousseau
Piattaforma Rousseau

globalist Modifica articolo

29 Giugno 2021 - 19.36


Preroll

Nel lungo post di Grillo, in risposta alla conferenza stampa di Conte di ieri, il fondatore del Movimento riabilita clamorosamente la piattaforma Rousseau per il voto sullo statuto, in barba al divorzio appena sancito tra la piattaforma di voto online e i 5 Stelle.
“Io lo sto apprendendo adesso, mi è stato appena girato il post. Noi non abbiamo un’esclusiva con il Movimento 5 Stelle: non è che potranno votare solo sulla nostra piattaforma. Altri elementi del contratto non li divulgo. Sono in attesa di sapere cosa si farà”. 
A parlare è Giovanni Di Sotto, ad di Multicast Srl, l’azienda che ha progettato Sky Vote, il sistema di voto scelto dal M5S dopo il divorzio da Rousseau. Oggi però Beppe Grillo, nel silurare Giuseppe Conte, ha annunciato che il voto per il Comitato direttivo si svolgerà sulla ‘vecchia’ piattaforma Rousseau.
Il post del garante 5 Stelle vi ha spiazzati? “Abbastanza. Più che spiazzati ci ha stupiti. Noi eravamo pronti per la votazione. Ci dovevano trasferire i dati, ce li trasferiscono ogni volta che si fa la votazione. Noi non li possediamo i dati: ogni volta che si attiva il voto ce li trasferiscono”. 
“Noi oggi scopriamo che questa votazione la faranno loro (Rousseau, ndr). Non so cosa succederà per le prossime votazioni, non ne ho la più pallida idea. Siamo professionisti, ci hanno chiesto la piattaforma, l’abbiamo preparata: è pronta e attivabile in qualunque momento. Quando decidono lo fanno. Non siamo attivisti, siamo uno strumento”, conclude Di Sotto.

OutStream Desktop
Top right Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile