Salvini rilancia la paura dei migranti: "Mi rifiuto a pensare a un'estate di sbarchi"

Il capo della Lega a margine del processo sul caso Gregoretti punta alla xenofobia finite le fesserie sul Covid

Salvini

Salvini

globalist 10 aprile 2021

La sua ossessione, così come per tutta la destra xenofoba, resta l’immigrazione e gli sbarchi, anche nel giorno in cui la procura di Catania  ha chiesto il non luogo a procedere nei suoi confronti nel caso Gregoretti.

"Ne ho parlato col presidente Draghi, mi rifiuto di pensare a una estate di sbarchi con milioni di italiani in difficoltà economica, psicologica, sociale, sanitaria e migliaia di clandestini che continuano a sbarcare. Noi possiamo stimolare il ministero dell'Interno a fare quello che deve fare per legge. Come facevo io".

“La procura di Catania mi ripaga di mesi di amarezze” - "Sono contento perché oggi la pubblica accusa ha detto che non c'è reato, non c'è sequestro. Ho rispettato le leggi nazionali e internazionali, abbiamo salvato vite, abbiamo risvegliato l'Europa, abbiamo restituito dignità e sicurezza all'Italia. Torno dai miei figli tranquillo. Spero che il 14 maggio si chiude qua”, ha detto l'ex ministro dell'Interno, a conclusione dell'udienza preliminare per il caso Gregoretti.

"Quando facevo il ministro mi assumevo, a differenza di altri che non ricordano, oneri e onori - ha detto -. Se vuoi fare una vita tranquilla fai altro. Se vuoi combattere mafia, camorra, `ndrangheta, spacciatori e scafisti, sai che corri qualche rischio. Oggi sentire la pubblica accusa dire che ho rispettato le norme italiane e internazionali, ho salvato vite, ha fatto il mio mestiere senza compiere reati mi ripaga di mesi e mesi di amarezze. E ribadisco che se gli italiani mi riattribuiranno responsabilità di governo in maniera diretta con competenze anche sui temi di sicurezza e immigrazione rifarò esattamente quello che ho fatto salvando vite, combattendo gli scafisti e costringendo l'Europa a ricordarsi che esiste".