Le Sardine incalzano Zingaretti: "Senza un progetto condiviso non si va da nessuna parte"

Il leader del movimento Mattia Santori in una video-lettera indirizzata al segretario del Pd: "In questi mesi abbiamo potuto toccare con mano la distanza siderale che esiste tra i partiti e gli elettori".

Santori

Santori

globalist 24 settembre 2020
Il campo largo. Il campo progressista. O diventa una realtà oppure non si va da nessuna parte.
"Senza un progetto condiviso e allargato non si va da nessuna parte" e ancora "un partito che si concentra sulle lotte di potere ma si dimentica la base ha i giorni contati". Ricordiamoci "la vicenda di Renzi" che è crollato e del "M5S", entrambi "vittime dell'incoerenza". E' quanto dice, in sintesi, il leader delle Sardine, Mattia Santori, in una video-lettera indirizzata al segretario del Pd, Nicola Zingaretti dopo la tornata elettorale, dal titolo 'Una questione di coerenza'. Una lettera che punta a un dialogo tra territorio e partito, aprendo al dialogo con Zingaretti che ha capito come ci sia "una comunità affamata di stimoli ma che oggi si sente distante". L'obiettivo è quello di aprire un fronte largo a sinistra, una nuova sinistra "dove noi saimo pronti a metterci la faccia".
"La politica - dice l'incipit della lettera del fondatore del movimento nato a novembre del 2019 a Bologna - è una faccenda strana, perché se la guardi da dentro capisci quasi tutto, se la guardi da fuori non si capisce proprio niente. In questi mesi ci è capitato di guardarla da ambo le parti, e di partecipare attivamente a due campagne elettorali e una campagna referendaria. Abbiamo potuto toccare con mano la distanza siderale che esiste tra i partiti e gli elettori".
"Prima - spiega - nei 3.000 km che abbiamo percorso quest'estate poi nelle iniziative che i nostri attivisti hanno organizzato nelle ultime settimane prima del voto. Una distanza nascosta sbandierando risultati marmorei, che poi però finiscono per sciogliersi come neve al sole nel giro di pochi anni".
Santori ricorda poi come "Renzi nel 2014 aveva il 40%, oggi a malapena raggiunge il 3%. Il Pd nel 2015 governava in 16 regioni, oggi in 5. I Cinque Stelle hanno dilapidato milioni di voti nel giro di due anni. Questa altalena apparentemente senza senso è in realtà direttamente correlata a un valore spesso considerato superfluo: la coerenza. Se la capacità di governare è variabile assai complessa da giudicare, la coerenza e la credibilità sono alla portata del giudizio di tutti".
"La 'politica si giudica a pelle' disse una sardina diciottenne in un'assemblea in Liguria. Quanto è vero. Quando Renzi perdeva le primarie e mostrava fairplay e lealtà verso il partito, accresceva il suo consenso. Quando è passato all''Enrico stai sereno' e al 'se perdo mi ritiro' è franato nel dimenticatoio. Il web non dimentica, diceva Grillo. Le bugie hanno le gambe corte, diceva mia mamma. Quanti voti avranno perso i 5 stelle quando hanno salvato Salvini dal processo sulla nave Diciotti? Quanto consenso avrà perso Di Maio quando ieri l'altro esultava dopo il peggior risultato di sempre nella storia del MoVimento?", ricorda ancora il leader delle Sardine. 
"Abbiamo incontrato tantissime persone in queste settimane. Siamo curiosi come sardine, ma chiacchieroni come pappagalli. Chiedete a Luigi, Alessandra, Giorgio, Federica, Claudio, Virginia quanta poca luce ci fosse negli occhi degli elettori di centrosinistra in Toscana, nelle Marche, in Puglia, Liguria, Campania e Veneto. Chiedetegli quale fosse l'umore degli attivisti democratici rispetto alle faide tra correnti. Chiedetegli quanto è stato difficile come sardine fare una campagna contro la destra sapendo 'chi' e 'cosa' si presentasse a sinistra (tralasciamo sul 'come'…)", si legge nella lettera indirizzata a Nicola Zingaretti.
"Se quelle X potessero parlare… Immaginate se in ogni scheda elettorale ci fosse l'opzione 'voto lui/lei, ma poco convintamente'. Sarebbe un plebiscito di rassegnati. Almeno da questa parte della barricata. La politica non va demonizzata e le responsabilità sono anche di noi elettori, lo diciamo dal primo giorno. Ma è arrivata l'ora di guardarsi in faccia e dirsi le cose come stanno", dice ancora Santori.
"In questi mesi abbiamo messo toppe a falle di cui non siamo responsabili. Lo abbiamo fatto perché crediamo in una politica basata su passione e generosità. Lo abbiamo fatto come persone, prima ancora che come sardine. Abbiamo combattuto battaglie che voi non avevate il coraggio di combattere", dice diretto al partito democratico.
"Abbiamo usato tecniche di comunicazione a voi estranee. Siamo scese in piazza a novembre scorso mentre voi iniziavate a spartirvi le colpe della prossima sconfitta. Abbiamo continuato a farlo mentre voi vi spartivate il bottino guadagnato con il nostro sudore. Abbiamo insistito anche quando preferivate guardare agli equilibri di governo invece che a noi, o peggio, ai vostri attivisti. Abbiamo marcato territori che altrimenti sarebbero stati facile preda delle destre mentre voi picconavate Zingaretti".
"Ora possiamo tirare tutti un sospiro di sollievo - aggiunge Santori, riferendosi al voto delle regionali - ma è nostro dovere ricordarci e ricordarvi che c'è una ferita da ricucire, e una comunità affamata di stimoli che oggi però si sente distante. Il vostro segretario se n'è accorto da tempo e ne siamo felici, perché non è scontato. E allora mettiamoci all'opera e iniziamo a ricostruire"