Della Valle in campo contro Renzi
Top

Della Valle in campo contro Renzi

Il patron della Tod's e della Fiorentina, deluso dal lavoro del premier, pensa di creare un movimento per dar voce a tutti gli scontenti dei partiti.

Della Valle in campo contro Renzi
Preroll

Desk3 Modifica articolo

21 Novembre 2014 - 09.20


ATF

A Natale Matteo Renzi avrà un nuovo nemico nello scenario politico. Diego Della Valle ha deciso di scendere in campo, per fondare un movimento che raccolga tutte quelle persone rimaste deluse o quanto meno indecise, dall’andamento delle cose. I rapporti tra i due non sembrano incrinati, in quanto Della Valle e Renzi continuano a vedersi con regolarità, ma il patron di Tod e Fiorentina ha in mente di dare voce al popolo scontento: “Io voglio dare voce a coloro che non si riconoscono nei partiti e neanche in Renzi che ripete sempre di aver vinto e si comporta come se la fiducia fosse illimitata”.

Pulizia. “Massimo un mese e saremo pronti”. Ci crede Della Valle, che entro dicembre presenterà la sua piattaforma telematica, che avrà sede a Milano. Ma non sarà una battaglia contro Renzi, anzi ci sono dei punti in comune con il lavoro del premier: “Il bene dell’Italia ovviamente è un concetto che perseguiamo entrambi, come la voglia di fare pulizia in una classe politica che ha acuito la crisi economica e sociale”.

Leggi anche:  Renzi dimentica il flop di Italia Viva e si intesta la vittoria di Starmer: "La sinistra vince se sfonda al centro"

Critica. Quello che Della Valle critica al premier è di non aver già attuato un rimpasto di governo, eliminando i ministri più deboli e gli anziani che sono riusciti molte volte a riciclarsi. Poi sullo sciopero generale afferma: “Ben venga, se si rivela uno strumento utile”. La conclusione è sull’Art. 18: “C’è un accanimento sbagliato su un particolare che non c’entra nulla con la crisi economica. Bisogna tornare alle urne”.

Native

Articoli correlati