La Cassazione stabilisce che consegnare i migranti alla Guardia Costiera libica è reato
Top

La Cassazione stabilisce che consegnare i migranti alla Guardia Costiera libica è reato

La consegna di migranti alla guardia costiera libica è reato perché la Libia «non è porto sicuro». È quanto sancisce una sentenza della Corte di Cassazione 

La Cassazione stabilisce che consegnare i migranti alla Guardia Costiera libica è reato
Preroll

globalist Modifica articolo

17 Febbraio 2024 - 11.24


ATF

Un colpo secco al mito della Guardia costiera libica fatta di lestofanti e che non faceva altro che riportare nei lager i poveretti che cercavano di fuggire.

La consegna di migranti alla guardia costiera libica è reato perché la Libia «non è porto sicuro». È quanto sancisce una sentenza della Corte di Cassazione che ha reso definitiva la condanna del comandante del rimorchiatore Asso 28 che il 30 luglio del 2018 soccorse 101 persone nel Mediterraneo centrale e li riportò in Libia consegnandoli alla Guardia costiera di Tripoli.

 Per i supremi giudici favorire le intercettazioni dei guardiacoste di Tripoli rientra nella fattispecie illecita «dell’abbandono in stato di pericolo di persone minori o incapaci e di sbarco e abbandono arbitrario di persone».

 Nella sentenza viene sostanzialmente sancito che l’episodio del 2018 fu un respingimento collettivo verso un Paese non ritenuto sicuro vietato dalla Convenzione europea per i diritti umani.

Leggi anche:  Soccorsi 45 migranti a largo di Lampedusa, tra loro anche il cadavere di una 18enne del Gambia: in mille nell'hotspot
Native

Articoli correlati