Papa Francesco: "Dobbiamo scongiurare l'egemonia tecnocratica"
Top

Papa Francesco: "Dobbiamo scongiurare l'egemonia tecnocratica"

Papa Francesco: "Quello che occorre fare è inscrivere i saperi scientifici e tecnologici all'interno di un più ampio orizzonte di significato, scongiurando così l'egemonia tecnocratica“. 

Papa Francesco: "Dobbiamo scongiurare l'egemonia tecnocratica"
Papa Francesco
Preroll

globalist Modifica articolo

12 Febbraio 2024 - 19.34


ATF

Secondo Papa Francesco, che ha ricevutto in udienza i membri della Pontificia Accademia per la Vita in occasione dell’Assemblea Generale presso il Centro Conferenze dell’Augustinianum, da oggi al 14 febbraio sul tema “Human. Meanings and Challenges”, va scongiurata “l’egemonia tecnocratica”.

“Il contributo degli studiosi da sempre ci dice che non è possibile essere a priori “pro” o “contro” le macchine e le tecnologie, perché questa alternativa, riferita all’esperienza umana, non ha senso. E anche oggi, non è plausibile ricorrere solamente alla distinzione tra processi naturali e processi artificiali, considerando i primi come autenticamente umani e i secondi come estranei o addirittura contrari all’umano: questo non va. Quello che occorre fare, piuttosto, è inscrivere i saperi scientifici e tecnologici all’interno di un più ampio orizzonte di significato, scongiurando così l’egemonia tecnocratica“. 

“Consideriamo il tentativo di riprodurre l’essere umano con i mezzi e la logica della tecnica. Un tale approccio implica la riduzione dell’umano a un aggregato di prestazioni riproducibili a partire di un linguaggio digitale, che pretende di esprimere, attraverso codici numerici, ogni tipo di informazione. La stretta consonanza con il racconto biblico della Torre di Babele mostra che il desiderio di darsi un linguaggio unico è inscritto nella storia dell’umanità; e l’intervento di Dio, che troppo frettolosamente viene inteso solo come una punizione distruttiva, contiene invece una benedizione propositiva”.

Leggi anche:  Perché Papa Francesco sottolinea con le parole (e i fatti) che lui è il vescovo di Roma

“Esso, infatti, manifesta il tentativo di correggere la deriva verso un “pensiero unico” attraverso la molteplicità delle lingue. Gli esseri umani vengono così messi di fronte al limite e alla vulnerabilità e richiamati al rispetto dell’alterità e alla cura reciproca”.

Native

Articoli correlati