Uccise la sorella, Alberto Scagni picchiato in carcere da due condannati per violenza sessuale
Top

Uccise la sorella, Alberto Scagni picchiato in carcere da due condannati per violenza sessuale

Alberto Scagni è colpevole di omicidio nei confronti della sorella Alice, e per questo sta scontando 24 anni di reclusione nel carcere di Sanremo.

Uccise la sorella, Alberto Scagni picchiato in carcere da due condannati per violenza sessuale
Alberto Scagni
Preroll

globalist Modifica articolo

23 Novembre 2023 - 11.52


ATF

Alberto Scagni è in carcere per scontare 24 anni di reclusione, dopo l’omicidio della sorella Alice il primo maggio del 2022 e nei giorni scorsi è stato sequestrato e picchiato da due detenuti di origine maghrebina. La polizia penitenziaria è intervenuta per salvarlo e Scagni è quindi stato trasferito nel Pronto soccorso di un ospedale, dove si trova in condizioni critiche.

I due aggressori, completamente ubriachi, hanno devastato la cella prima di essere fermati dalla Penitenziaria. Erano nella sezione del padiglione Z riservata ai detenuti protetti. I due, condannati per violenza sessuale aggravata, si sarebbero ubriacati utilizzando l’alcol ottenuto con la macerazione della frutta.

Nella colluttazione cui ha seguito l’arresto dei due un agente ha riportato la frattura di due costole. Per lui il referto parla di 21 giorni di prognosi. Non è escluso che Scagni sia stato massacrato di botte per il reato commesso anche se non si hanno conferme in tal senso. Non è la prima volta che Scagni subisce un’aggressione in cella.

Leggi anche:  Sanremo, tir travolge fratello e sorella e scappa: morto il 17enne, ricoverata in gravi condizioni la giovane di 15 anni
Native

Articoli correlati