Neonato lasciato nella Culla per la vita del Policlinico, con lui una lettera: "Mi chiamo Enea..."
Top

Neonato lasciato nella Culla per la vita del Policlinico, con lui una lettera: "Mi chiamo Enea..."

Enea è il terzo bimbo che viene affidato alla Culla per la Vita da quando è stata attivata nel 2007. Il piccolo è ora accudito dagli specialisti della Neonatologia alla Clinica Mangiagalli del Policlinico, dove sta seguendo i controlli di routine.

Neonato lasciato nella Culla per la vita del Policlinico, con lui una lettera: "Mi chiamo Enea..."
La Culla per la vita, al Policlinico di Milano
Preroll

globalist Modifica articolo

10 Aprile 2023 - 10.23


ATF

Nel giorno di Pasqua, un neonato è stato lasciato dalla madre nella cosiddetta Culla per la vita del Policlinico di Milano. Vicino al piccolo, una lettera per i medici. La mamma ha scritto che il bimbo «è super sano, tutti gli esami fatti in ospedale sono ok», insieme a parole di grande affetto. Si tratta di un neonato di circa 2,6 kg di etnia caucasica, in buona salute. È il terzo bimbo che viene affidato alla Culla per la Vita da quando è stata attivata nel 2007. Il piccolo è ora accudito dagli specialisti della Neonatologia alla Clinica Mangiagalli del Policlinico, dove sta seguendo i controlli di routine.

«È una cosa che pochi sanno – commenta Ezio Belleri, direttore generale del Policlinico di Milano – ma in Ospedale si può partorire in anonimato, per la sicurezza di mamma e bambino. Inoltre esistono le Culle per la Vita: la nostra si trova all’ingresso della Clinica Mangiagalli e permette di accogliere in totale sicurezza un bimbo che i suoi genitori non possono purtroppo tenere con sé. È una decisione drammatica, ma la Culla consente di affidare il piccolo ad una struttura dove gli sono garantite cure immediate e che preserva l’assoluto anonimato per i genitori». 

Leggi anche:  Futuramente: il festival tra innovazione e creatività per le nuove generazioni

La Culla per la Vita del Policlinico di Milano è attiva da 16 anni e quello di oggi è il terzo caso registrato. I primi due sono avvenuti nel 2012 e nel 2016: due bimbi maschi che sono stati chiamati rispettivamente Mario e Giovanni. La Culla è un ambiente protetto e riscaldato ed è strutturata in modo da avvisare immediatamente il personale sanitario: una volta che il bimbo viene accolto al suo interno, un allarme discreto avvisa medici e infermieri della Neonatologia che possono prendersi cura del piccolo entro pochissimi minuti.

«Occasioni simili sottolineano come il sistema della Culla per la Vita sia fondamentale – conclude Fabio Mosca, direttore della Neonatologia e della Terapia Intensiva Neonatale del Policlinico di Milano – perché ci permette di accogliere il bimbo e di aiutare la mamma nella sua drammatica scelta, in tutta sicurezza. Vivo però questo evento anche come una sconfitta a livello sociale, perché in qualche modo non siamo stati in grado di intercettare una madre in grande difficoltà. Madre che, qualora ci ripensasse, siamo pronti ad accogliere e ad assistere». 

Native

Articoli correlati