Il cadavere di una donna in una cella frigorifera, il figlio ammette: "Ho avuto paura e l'ho messa lì"
Top

Il cadavere di una donna in una cella frigorifera, il figlio ammette: "Ho avuto paura e l'ho messa lì"

È di una donna di circa 80 anni il cadavere ritrovato rannicchiato all'interno del congelatore, nella casa di campagna. Il figlio della pensionata è stato condotto in caserma dai carabinieri per essere ascoltato. 

Il cadavere di una donna in una cella frigorifera, il figlio ammette: "Ho avuto paura e l'ho messa lì"
La casa in cui è stato scoperto il cadavere della donna.
Preroll

globalist Modifica articolo

23 Novembre 2022 - 14.14


ATF

Il cadavere di una donna di 82 anni, Maria Prudenza Bellanova, è stato ritrovato in un casolare a Ceglie Messapica, in provincia di Brindisi, all’interno di una cella frigorifera.

La scoperta è stata fatta dai carabinieri in una zona alla periferia della cittadina. Il figlio della pensionata, Angelo Bellanova, 55 anni, è stato denunciato a piede libero per occultamento di cadavere, dopo essere stato interrogato a lungo. L’uomo ha spiegato di non aver avuto il coraggio di seppellire la madre, morta pare per cause naturali, e di aver quindi deciso di nasconderla dentro la ghiacciaia in casa.

Il cadavere della donna è stato ritrovato in posizione rannicchiata all’interno del congelatore a pozzetto. Nel podere in cui si trova la casa, i carabinieri hanno anche rinvenuto quattro cani che ora saranno trasferiti nel canile di Carovigno. Non è chiaro ancora quando e come la donna sia morta, ma si presume che il decesso sia avvenuto per cause naturali. Si sa che era viva fino allo scorso settembre, quando il personale dei servizi sociali che seguiva la famiglia l’ha vista in vita. Il servizio di assistenza era stato poi sospeso per questioni amministrative.

Leggi anche:  Cadavere di un 35enne del Bangladesh trovato in mare nella zona dell'Addaura: l'uomo voleva fare un bagno

A dare l’allarme sarebbero state due nipoti della vittima, che non riuscivano a mettersi in contatto con lei. Sul posto, oltre ai carabinieri, sono giunti i vigili del fuoco per le operazioni di recupero della salma, il pubblico ministero che sta coordinando le indagini, Mauron Gallone, e il medico legale Domenico Urso per una prima ispezione cadaverica. La salma della pensionata è stata trasferita all’obitorio del cimitero di Francavilla Fontana dove nei prossimi giorni verrà eseguita l’autopsia.

Native

Articoli correlati