Fano, giovane mamma fuggita dall'Ucraina accoltellata a morte: fermato l'ex marito egiziano
Top

Fano, giovane mamma fuggita dall'Ucraina accoltellata a morte: fermato l'ex marito egiziano

La giovane è stata cercata fino a quando, stamattina, i vigili del fuoco e i carabinieri ne hanno ritrovato il corpo. Era andata dall'ex per riprendersi alcuni capi d'abbigliamento. Indagano i carabinieri. 

Fano, giovane mamma fuggita dall'Ucraina accoltellata a morte: fermato l'ex marito egiziano
La giovane ucraina morta a Fano.
Preroll

globalist Modifica articolo

14 Novembre 2022 - 14.59


ATF

Fano, una 23enne ucraina, Anastasiia Alashri, è stata trovata morta. Il cadavere, con i segni di tre coltellate, è stato rinvenuto nelle campagne di Villa Giulia.

Il presunto autore, l’ex marito, un egiziano di 42 anni, è stato bloccato alla stazione di Bologna. La giovane, giunta in Italia a marzo dopo essere fuggita da Kiev a seguito della guerra che ha colpito l’Ucraina, lavorava in un ristorante di Fano: domenica non si era presentata al lavoro ed è stato dato l’allarme. La giovane, a quanto pare, prima di morire era andata dall’ex per riprendersi alcuni capi d’abbigliamento.

Le coltellate sono state inferte in varie parti del corpo. La ragazza era madre di un bambino di tre anni. Separata dal marito, voleva rifarsi una vita con un nuovo compagno.

Nella mattinata di domenica, Anastasiia aveva deciso di ritornare a casa sua per prelevare degli effetti personali: qui ha incontrato l’ex convivente con cui evidentemente si è innescato l’ennesimo, acceso diverbio. Da quel momento si sono perse le sue tracce, al punto che il suo amico, preoccupato, decideva di rivolgersi ai carabinieri e denunciare l’accaduto.

Leggi anche:  Uccise Carol Maltesi, ergastolo per Davide Fontana: "Chiedo perdono, voglio riparare alle mie azioni"

Le ricerche sono state avviate immediatamente, attraverso le attività di polizia giudiziaria coordinate dalla Procura della Repubblica di Pesaro, che vedevano impegnati i militari del Nucleo investigativo di Pesaro-Urbino e della compagnia di Fano che hanno permesso di rintracciare il presunto responsabile delle condotte di maltrattamento mentre verosimilmente tentava di allontanarsi dal territorio nazionale. Alla luce dei nuovi elementi raccolti, la Procura della Repubblica di Pesaro ha emesso un decreto di fermo per il reato di omicidio. Il presunto killer è stato poi condotto presso il carcere di Bologna. 

Native

Articoli correlati