Top

Ilva di Taranto, gli ex proprietari devono risarcire il Comune: maxi multa da 12 milioni

La sentenza di primo grado si riferisce ai danni che la grande fabbrica avrebbe provocato alla città tra il 1995 e il 2014

Ilva di Taranto, gli ex proprietari devono risarcire il Comune: maxi multa da 12 milioni

globalist Modifica articolo

8 Luglio 2022 - 11.20


Preroll

Gli ex proprietari dell’Ilva di Taranto, dovranno risarcire il Comune con una somma superiore ai 12 milioni di euro, di cui 8 solo per danni d’immagine. Lo ha stabilito il giudice Raffaele Viglione della seconda sezione civile del Tribunale di Taranto, che ha condannato Fabio Arturo Riva, a giudizio in qualità di erede del padre Emilio contro cui fu avviata la causa prima della sua scomparsa nel 2014, e l’ex direttore dello stabilimento di Taranto, Luigi Capogrosso.

OutStream Desktop
Top right Mobile

La sentenza di primo grado si riferisce ai danni che la grande fabbrica avrebbe provocato alla città tra il 1995 e il 2014. Fabio Riva e Capogrosso sono stati già condannati nel processo «Ambiente svenduto» per il presunto disastro ambientale causato dal Siderurgico rispettivamente a 22 anni e 21 anni di reclusione.

Middle placement Mobile

Ripercorrendo la storia giudiziaria dell’acciaieria e i contenuti delle perizie e degli studi scientifici, il giudice scrive che «i racconti, i numeri, le scene di questo disastro ambientale hanno gettato nell’oblio dell’immaginario collettivo ogni legame identitario della città al mare e al proprio passato: la storia gloriosa e millenaria di Taranto, che l’aveva vista `capitale della Magna Grecia´ tra le più antiche, floride e potenti colonie fondate nell’Italia meridionale e nella Sicilia orientale, è stata soppiantata dalla sua storia recente, una cronaca nera fatta di immagini terrorizzanti e record percentuali indesiderati».

Dynamic 1

Il Comune di Taranto è stato rappresentato in giudizio dall’avv. Massimo Moretti. Il giudice ha disposto il risarcimento di oltre 3 milioni e 200mila euro per i danni materiali subiti dal patrimonio immobiliare comunale nei quartieri Città Vecchia e Paolo VI e 8 milioni di euro come risarcimento per il danno all’immagine, alla reputazione e all’identità storica e culturale della città. (ANSA).

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile