Raid fascista all'Università di Siena: scritte omofobe e inneggianti al Duce nell'ufficio di una dipendente Lgbt
Top

Raid fascista all'Università di Siena: scritte omofobe e inneggianti al Duce nell'ufficio di una dipendente Lgbt

Scritte anche contro la Cgil. Il rettore ha presentato una denuncia contro ignoti

Raid fascista all'Università di Siena: scritte omofobe e inneggianti al Duce nell'ufficio di una dipendente Lgbt
L'ufficio
Preroll

globalist Modifica articolo

14 Aprile 2022 - 17.59


ATF

Una dipendente dell’Università di Siena stamattina ha trovato la sua postazione completamente devastata in un ufficio del rettorato: un raid fascista notturno ha lasciato l’ufficio imbrattato di scritte omofobe, sessiste e neonaziste, oltre che contro la Cgil. Il rettore Francesco Frati ha presentato denuncia contro ignoti.

A proposito delle “inqualificabili scritte di stampo fascista e omofobo”, il rettore dell’Università Francesco Frati e il direttore generale Emanuele Fidora hanno rilasciato una dichiarazione congiunta: “A nome dell’Ateneo, esprimiamo la nostra indignazione e condanna per il grave atto vandalico intimidatorio perpetrato nei confronti della collega. A lei e alla sigla sindacale Cgil, anch’essa coinvolta nelle minacce, esprimiamo anche la nostra vicinanza e solidarietà”. 

“Ancora una volta ci troviamo di fronte a comportamenti intollerabili di discriminazione e di intimidazione, che l’Ateneo tutto rifiuta fermamente. Per questo motivo, abbiamo tempestivamente provveduto a sporgere denuncia alle autorità competenti che in queste ore stanno conducendo i necessari accertamenti, anche attraverso la visione dei filmati delle telecamere di sicurezza. L’Università di Siena da sempre difende i valori della democrazia, dell’inclusione e del dialogo, e continuerà a farlo senza che vili gesti come questo possano indebolire il nostro impegno”.

Leggi anche:  La ministra dell’Università Bernini: “Sul numero chiuso per l’accesso a Medicina si volta pagina”
Native

Articoli correlati