Alla Sapienza la polizia carica il corteo pro-Palestina: scontri
Top

Alla Sapienza la polizia carica il corteo pro-Palestina: scontri

Le tensioni e gli scontri si riaccendono all'Università La Sapienza di Roma, in attesa della riunione del Consiglio di Amministrazione e del Senato Accademico riguardo agli accordi di ricerca con Israele.

Alla Sapienza la polizia carica il corteo pro-Palestina: scontri
Cariche della polizia alla Sapienza
Preroll

globalist Modifica articolo

16 Aprile 2024 - 23.39


ATF

Le tensioni e gli scontri si riaccendono all’Università La Sapienza di Roma, in attesa della riunione del Consiglio di Amministrazione e del Senato Accademico riguardo agli accordi di ricerca con Israele.

Due gli arrestati dopo il tentativo di entrare al Senato accademico e poi al commissariato sotto al quale si erano radunati dei manifestanti: uno è stato fermato dopo avere danneggiato un’auto della polizia, una ragazza avrebbe aggredito un dirigente della polizia durante il tentativo di irruzione nel commissariato. Secondo i giovani della Fgc, alcune persone sarebbero rimaste ferite. Il premier Meloni: “Non è manifestare ma delinquere”.

“Di fronte alla mobilitazione degli studenti, la risposta della Sapienza è stata nuovamente un Senato Accademico blindato e la celere. L’ateneo è disposto a caricare i propri studenti piuttosto che ascoltare le istanze di migliaia tra studenti, ricercatori e docenti. La rettrice si assuma le sue responsabilità: dimissioni immediate”, hanno scritto i manifestanti sui social.

“Durante il corteo hanno fermato due compagni. Inoltre il Senato accademico delibera condannando il massacro e chiedendo il cessate il fuoco, ma è solo una dichiarazione per pulirsi la coscienza. Neanche una parola sugli accordi. Nessuna intenzione concreta di interrompere la complicità con il genocidio. La risposta del Senato alle nostre richieste è vergognosa. E sono vergognose le cariche della polizia”: le parole sui social dei giovani del coordinamento Collettivi Sapienza.

Leggi anche:  Sedi universitarie di Siena e Arezzo: dal buio dei manicomi alla luce del sapere
Native

Articoli correlati