Top

La denuncia dell'Ulss di Treviso: "No vax in coda negli hub per rallentare le vaccinazioni"

"Arrivano e iniziano con richieste al personale sanitario impiegato nella profilassi. Fanno perdere minuti preziosi e poi prendono e se ne vanno, senza aver effettuato l'inoculazione, talvolta sbraitando, e ribadendo la loro contrarietà al vaccino"

La denuncia dell'Ulss di Treviso: "No vax in coda negli hub per rallentare le vaccinazioni"

globalist

2 Dicembre 2021 - 11.38


Preroll

I no vax hanno raggiunto livelli estremi toccando il fondo: per rallentare la somministrazione delle dosi, entrano negli hub, fanno la fila, “tempestano” di domande e commenti il personale sanitario poi se ne vanno senza ricevere la dose. E’ la nuova tattica dei non vaccinati a Treviso.

OutStream Desktop
Top right Mobile

A segnalarlo è il direttore generale dell’Ulss 2 Francesco Benazzi, che a La Tribuna di Treviso dichiara: “Capita tutti i giorni. In tutti i nostri Vax Point abbiamo quotidianamente tre, quattro persone, che adottano questa tecnica”.

Middle placement Mobile

“Arrivano e iniziano a sciorinare richieste al personale sanitario impiegato nella profilassi. Fanno perdere minuti preziosi e poi prendono e se ne vanno, senza aver effettuato l’inoculazione, talvolta sbraitando, lamentandosi e ribadendo la loro contrarietà alla vaccinazione” , commenta riporta il direttore generale.

Dynamic 1

Come riporta il quotidiano, il fenomeno va avanti da tempo,e riguarda tutti i centri vaccinali della provincia.

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage