Top

Prescriveva droga ai braccianti indiani per farli lavorare di più: arrestato un medico

1.500 confezioni di stupefacenti contenenti ossicodone (simile alla morfina) per alleviare la fatica: un danno al sistema sanitario per 146mila euro

<picture> Braccianti indiani al lavoro </picture>
Braccianti indiani al lavoro

globalist

26 Maggio 2021


Preroll

Costretti a sopportare turni nei campi di 12 o 16 ore al giorno: una fatica immane che in qualche modo doveva essere alleviata. 

OutStream Desktop
Top right Mobile

Un medico di Sabaudia, Sandro Cuccurullo, è stato arrestato con l’accusa di aver prescritto stupefacenti a oltre 200 suoi pazienti di nazionalità indiana. Le ricette non avevano alcuno scopo terapeutico ma solo quello di alleviare la sensazione della fatica.

Middle placement Mobile

Indagati anche un avvocato e una farmacista. 

Dynamic 1

La prescrizione dell’ossicodone – I carabinieri dei Nas di Latina hanno scoperto, come riporta il quotidiano Il Messaggero, che il medico avrebbe effettuato circa 222 prescrizioni, a costo zero per i pazienti e a carico del sistema sanitario nazionale, distribuendo così 1.500 confezioni di stupefacenti contenenti ossicodone, un oppioide agonista puro che ha un potere simile alla morfina.

La motivazione delle prescrizioni era la necessità di far fronte a turni di lavoro massacranti nei campi tra Sabaudia e Terracina per permettere ai lavoratori di essere resistenti alla fatica. O per meglio dire: resistenti allo sfruttamento. 

Dynamic 2

Danno al sistema sanitario – Il medico avrebbe poi prescritto oltre 3mila ricette indebite con un codice esenzione fasullo: il che ha provocato, tra l’altro, un danno per il sistema sanitario di oltre 146mila euro. E’ inoltre accusato di aver prescritto farmaci mai effettivamente consegnati ai pazienti, e il cui costo sarebbe stato rimborsato a una farmacista, che risulta anch’essa indagata.

Indagati anche un avvocato e una farmacista – Nell’inchiesta, infatti, sono coinvolti anche un avvocato e una farmacista: entrambi hanno ricevuto una misura cautelare interdittiva che dispone la sospensione dalla professione per un anno.

Dynamic 3

Inoltre una cittadina marocchina è stata raggiunta da un divieto di dimora nella provincia di Latina. Per le persone coinvolte nell’inchiesta della procura di Latina, denominata “No pain”, i reati contestati vanno dall’illecita prescrizione di farmaci ad azione stupefacente al favoreggiamento dell’ immigrazione clandestina, dalla frode processuale al falso e alla truffa ai danni dello Stato.

Falsi certificati per regolarizzare cittadini extracomunitari – Il medico avrebbe anche compilato certificati medici falsi con l’obiettivo di ottenere la regolarizzazione di cittadini extracomunitari, attestando la loro presenza in Italia. Con l’aiuto dell’avvocato avrebbe persino certificato una patologia inesistente a un 51enne per evitargli di finire in carcere. 

Dynamic 4
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage