Top

Dal ponte Morandi alla funivia: i frutti avvelenati della cultura della irresponsabilità e del profitto

Le prime indiscrezioni sulla indagine per i morti della funivia fanno emergere la scelta di tenere aperto nonostante si sapesse che c’erano dei guasti. Non chiamatela fatalità.

La funivia

Gianni Cipriani

26 Maggio 2021


Preroll

Le indagini sono appena cominciate, ma la rapidità con cui la procura di Verbania ha disposto i tre fermi fa pensare che in questo caso ci sia la ‘pistola fumante’.
E se le prime ammissioni e indiscrezioni saranno confermate significa che la tragedia della funivia è stata provocata dalla irresponsabile scelta di tenere aperto un impianto che doveva essere chiuso e messo in sicurezza.
Ma prima della vita veniva la voglia di profitto. Un alibi perfetto che in questo caso come in altri viene giustificato con il bisogno di lavorare e tante altre frasi fatte come il non si può morire di fame, i dipendenti che dovrebbero andare a casa… 
Da qui – a quanto emerge – la scelta irresponsabile di manomettere l’impianto per impedire che i guasti facessero fermare le cabine.
“Andiamo avanti, mica possiamo chiudere adesso che la stagione è appena cominciata…”.
Un tragico parallelo con la cultura del profitto e della faciloneria che ha provocato la strage del ponte Morandi. Controlli pochi e fatti male, investimenti minimi, la consapevolezza del rischio e la decisione di chiudere non uno ma due occhi facendo finta di ignorare che prima o poi sarebbe accaduto l’inevitabile crollo.
Il tutto mentre in questo paese ogni anno ci sono centinaia tra morti e feriti sul lavoro, molti dei quali causati dal fatto che operai o addetti lavoravano o erano costretti a lavorare senza rispettare le norme di sicurezza o svolgendo mansioni che non avrebbero dovuto svolgere.
La cultura dell’irresponsabilità e del profitto non è così minoritaria nella nostra classe imprenditoriale. 
I furbi sono tanti, i controlli pochi.
E di fronte a questo scenario le ipotesi che vorrebbero una ulteriore ‘deregulation’, minori controlli nel nome della produttività e della fretta rischiano di diventare di fatto criminali.
Il partito del no ai controlli, del ‘fidiamoci’ e lasciamo lavorare, della flessibilità dietro la quale si nasconde lo sfruttamento deve essere sconfitto.
Altrimenti l’altro ieri ponte Morandi, ieri i morti sul lavoro che vengono raccontati in poche righe sui giornali, oggi la funivia. E domani?

OutStream Desktop
Top right Mobile

Middle placement Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage