Gli diede dello sciacallo: il pm chiede l'archiviazione per Ilaria Cucchi ma Salvini si oppone

La sorella di Stefano si era scagliata contro il capo della Lega dopo alcune dichiarazioni dal chiaro intento polemico del capo della Lega dopo la condanna dei carabinieri ritenuti responsabili

Ilaria Cucchi

Ilaria Cucchi

globalist 23 febbraio 2021

Critica politica o diffamazione? Il gip di Milano Lidia Castellucci si è riservata di decidere sull'opposizione avanzata da Claudia Eccher, legale del leader della Lega Matteo Salvini, alla richiesta di archiviazione depositata dal pm Giancarla Serafini per Ilaria Cucchi, sorella di Stefano, che aveva definito l'ex ministro dell'Interno 'sciacallo' per alcune sue dichiarazioni sulla morte del fratello, morte per la quale sono stati condannati alcuni carabinieri. 


A chi gli chiedeva un suo commento sulla condanna, dopo le parole poco simpatiche che aveva avuto negli anni per la famiglia Cucchi, il leghista disse tra le altre cose: "E comunque la droga fa male". Da qui la reazione della sorella.


All'udienza, che si è svolta in remoto per rispettare le norme anti Covid, hanno partecipato i due difensori, l'avvocato Fabio Anselmo è stato sostituito da un collega, assenti invece l'indagata e Salvini. Si è discusso nel merito e la difesa del segretario della Lega ha chiesto l'imputazione coatta di Ilaria Cucchi o la prosecuzione dell'istruttoria. Il giudice non ha fornito tempi sulla decisione.