Top

Miozzo chiede al governo: "La denuncia penale contro chi aggira i divieti nelle feste"

Il coordinatore del Cts Agostino Miozzo parla del pericolo di chi vuole aggirare i divieti

Agostino Miozzo
Agostino Miozzo

globalist

6 Dicembre 2020 - 10.02


Preroll

“Il meccanismo emulativo che può ricrearsi prima e dopo le feste rischia di avere conseguenze drammatiche. Il “perché io non devo farlo se qualcuno lo fa” oggi può portare ad assumere atteggiamenti davvero pericolosi”. Il coordinatore del Cts Agostino Miozzo parla al Messaggero. 

OutStream Desktop
Top right Mobile

“Gran parte della popolazione italiana le raccomandazioni le sta rispettando. Poi ci sono i soliti furbetti che alterano l’equilibrio tra ordine e raccomandazione, sono quelli che navigano negli spazi lasciati dalle migliori intenzioni del governo. Per questo a preoccupare è il meccanismo emulativo. Servono controlli rigidi e segnali importanti”.

Di che tipo?
“Se si ferma un soggetto e questo produce un’autocertificazione che ad una verifica risulta falsa, non puoi dargli solo la multa di 300 euro. Devi perseguirlo effettivamente con una denuncia per falso in atto pubblico. Per estremizzare bisogna portarlo di fronte ad un giudice penale, così non c’è il rischio si prendano sotto gamba le misure. Non può passare il messaggio che si tratta di una sorta multa per divieto di sosta, va a finire che qualcuno che dica “chi se ne frega” lo trovi sempre”. 
Anche perché prima del 21 dicembre l’esodo appare inevitabile.
”È assolutamente un rischio, uno o due giorni prima del 21 e poi al ritorno si vedranno belle scene. D’altronde lo stesso Dpcm dice giustamente che puoi rientrare al tuo indirizzo di residenza. Ma questa era una necessità dettata dal bisogno di far convivere un punto di vista epidemiologico con quello sociale e quello economico”.

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage