Gli studenti bolognesi dedicano la nuova scuola in Fiera agli eroi dell'antifascismo e dell'antirazzismo

Il progetto, nato su iniziativa della Città metropolitana di Bologna e sviluppato dall’architetto Cucinella, accoglie 1.600 studenti

Scuola

Scuola

globalist 14 settembre 2020
Il primo giorno di scuola a Bologna parte all'insegna dell'antifascismo: la nuovissima scuola di Bologna Fiera, unico esperimento in Italia di utilizzo di uno spazio fieristico per il ritorno a scuola di 1.600 studenti, è infatti una vera e propria città in cui le 'vie', i corridoi, sono stati dedicatu dagli studenti a personaggi dell'antifascismo e antirazzismo. 
C'è quindi via Altiero Spinelli, via Breonna Taylor (la ragazza afroamericana uccisa dalla polizia), via George Floyd, via Martin Luther King, via Migranti del Mediterraneo, via dei Medici e degli infermieri che lottano contro il Covid-19. 

Il progetto, nato su iniziativa della Città metropolitana di Bologna e sviluppato dall’architetto Cucinella, vuole essere l’occasione per accogliere, dopo sette lunghi mesi, gli studenti a scuola in un’area ben collegata al trasporto pubblico e all’interno di uno spazio già attrezzato, molto ampio ed esistente, che consente di rispondere in tempi brevi a tutte le prescrizioni legate ai distanziamenti, imposte dalle normative Covid.