Emilio Fede è stato arrestato a Napoli ma lui si difende: "Non ho violato i domiciliari"
Top

Emilio Fede è stato arrestato a Napoli ma lui si difende: "Non ho violato i domiciliari"

Secondo il quotidiano campano Il Mattino il giornalista sarebbe arrivato da Milano per festeggiare il compleanno della moglie, violando così gli arresti domiciliari.

Emilio Fede
Emilio Fede
Preroll

globalist Modifica articolo

23 Giugno 2020 - 07.35


ATF

“Il mio arresto? E’ stata una cosa terrorizzante. Compivo gli anni e da Milano, con i domiciliari finiti, sono partito per trascorrere due giorni con mia moglie. Siamo andati al ristorante a mangiare una pizza io e lei, e lì sono arrivati i carabinieri, notificandomi gli arresti per il reato di evasione”. Questo il racconto all’Adnkronos del giornalista Emilio Fede dell’arresto a Napoli per evasione dai domiciliari.

“Mi viene contestato di essere partito da Milano quando non c’era ancora la firma sui servizi sociali. Sono stato accompagnato in albergo e ora non posso nemmeno affacciarmi alla finestra – dice ancora Fede – Io sono claustrofobico, sono stato operato alle vertebre e non posso camminare da solo, devo essere accompagnato e con il bastone. E’ stato un arresto davanti a tutti, sono terrorizzato, che si possa prendere un essere umano, non Emilio Fede, e arrestarlo così”.

Emilio Fede è stato arrestato a Napoli. Lo riferisce il Mattino. Secondo il quotidiano campano il giornalista sarebbe arrivato da Milano per festeggiare il compleanno della moglie, violando così gli arresti domiciliari. Dopo 7 mesi di reclusione domiciliare, infatti, il direttore avrebbe dovuto scontare ancora 4 anni di servizi sociali. Fede, infatti, non avrebbe atteso l’autorizzazione del giudice del tribunale di sorveglianza milanese e, scaduti i 7 mesi di domiciliari, si sarebbe messo in viaggio verso Napoli dopo aver informato i carabinieri di Segrate.

Leggi anche:  Un operaio di 28 anni è stato investito dalle fiamme all'Omega Color di Vignate: l'uomo è gravemente ustionato

Scrive il Mattino:

Sei carabinieri in borghese sono piombati nel locale e hanno invitato il popolare giornalista a rientrare in hotel

Native

Articoli correlati