Top

Bracciante picchiato perché ha chiesto la mascherina, Bellanova: "Ecco perché regolarizzare è importante"

La Ministra: "La sicurezza è un diritto. Avere un lavoro con orari e paga dignitosi è un diritto. Dove lo Stato non è presente, dove si insinua il caporalato, questi semplici diritti sono negati"

Teresa Bellanova
Teresa Bellanova

globalist

18 Maggio 2020 - 20.28


Preroll

Teresa Bellanova ha condiviso su Facebook la storia di un bracciante di origini indiane che “è stato prima licenziato perché si era permesso di chiedere mascherine e dispositivi di protezione mentre lavorava, e poi massacrato di botte a Latina dall’imprenditore che lo sfruttava per la raccolta perché voleva essere pagato”.
“Sono questi i motivi – rileva Bellanova – per cui sono convinta che la battaglia per la regolarizzazione sia stata una battaglia giusta. La sicurezza è un diritto. Avere un lavoro con orari e paga dignitosi è un diritto. Dove lo Stato non è presente, dove si insinua il caporalato, questi semplici diritti sono negati. Sono orgogliosa di poter dire che questa volta lo Stato ha scelto di esserci e di restituire a queste persone i loro diritti e la loro dignità”.

OutStream Desktop
Top right Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile