Il sindaco di Robbio: "Stufo di vedere la mia gente morire in casa, farò test a tappeto"

Marcelo Gasperini spiega di essersi affidato a un laboratorio privato, un esame costa 45 euro: "La Asl non fa più tamponi"

Coronavirus

Coronavirus

globalist 31 marzo 2020

"Sono stufo di vedere la mia gente morire in casa", a dirlo è il sindaco di Robbio Marcelo Gasperini. Per questo, il primo cittadino del comune nel pavese ha deciso di effettuare test clinici a tappeto per avere una mappatura più chiara di eventuali contagi sommersi. Le analisi del sangue, infatti, potrebbero andare a coprire il "buco" lasciato scoperto dalla mancanza dei tamponi, a oggi unico metodo per verificare se si è infetti da coronavirus.


Queste analisi non hanno ancora validità scientifica e sono sviluppati da un'azienda privata che, con un costo di 45 per ogni test, garantirebbero di mostrare chi ha sviluppato gli anticorpi Igm e Igg: "Abbiamo deciso di partire con alcuni pazienti nelle case di riposo - dice Gasperini - e ci mettiamo a disposizione della regione per fornire i dati di questa mappatura. Vorremmo fare in modo di mettere in sicurezza le categorie più a rischio, almeno alle persone che sviluppano i sintomi. Qui ha funzionato e spero che vengano a validare questo metodo al più presto, sono disposto anche a fornire personalmente i dati al presidente Conte perché non possiamo permettere le persone muoiano da sole in casa".