Il giudice Di Matteo: "Le rivelazioni di Graviano su Berlusconi? Quando lo dicevo io mi diedero del fanatico"

Parla l'ex pm del processo trattativa Stato-Mafia: "Ricostruiti rapporti stabili e duraturi tra Berlusconi e Cosa nostra. Sembra che in questo Paese certe cose non possano nemmeno essere ricordate".

Antonino Di Matteo

Antonino Di Matteo

globalist 7 febbraio 2020
In merito alle nuove dichiarazioni di Giuseppe Graviano, il boss mafioso che ha deciso di parlare oggi dopo tanti anni di silenzio su Berlusconi, sono state così commentate dal consigliere del Consiglio Superiore della Magistratura Antonino Di Matteo, ex pm del processo trattativa Stato-Mafia: "Non entro nel merito delle nuove dichiarazioni di Giuseppe Graviano. È certo, però, che anche nella sentenza definitiva di condanna del senatore Marcello Dell'Utri sono stati ricostruiti rapporti stabili e duraturi tra Berlusconi e Cosa nostra. Sembra che in questo Paese certe cose non possano nemmeno essere ricordate e che chi si ostina a farlo sia destinato, come è capitato a me ed ai miei colleghi, per queste indagini, ad essere additato come un visionario fanatico". 
Le intercettazioni tra Graviano e il boss Umberto Adinolfi furono depositate al processo sulla trattativa Stato-mafia. Secondo i pm che rappresentavano l'accusa del dibattimento ''le parole del boss di Brancaccio evocano un rapporto di natura paritaria con Berlusconi''. ''In quelle intercettazioni tutti i riferimenti portano a Berlusconi, una persona che aveva deciso di entrare in politica - avevano ribadito i pm in aula - Graviano dice che Berlusconi nel 1992 voleva scendere in politica tramite Dell'Utri, e poi ancora dice 'ci vorrebbe una bella cosa' e 'mi ha chiesto sta cortesia'. Nel proseguo Graviano dice che a causa del suo arresto non hanno potuto definire gli accordi''.