Top

Le rapiscono il figlio neonato per costringerla a prostituirsi: orrore per una donna rom

La vittima è stata costretta a consumare rapporti sessuali a pagamento tra Roma e Latina e a versare il ricavato ai suoi sfruttatori.

Volante
Volante

globalist Modifica articolo

5 Febbraio 2020 - 18.58


Preroll

Una storia orribile quella di una donna romena di 28 anni, domiciliata in un centro di accoglienza, cui è stato sequestrato il figlio neonato di sei mesi per costringerla a prostituirsi. Lo ha scoperto la polizia di Latina. 
La vittima è stata costretta a consumare rapporti sessuali a pagamento tra Roma e Latina e a versare il ricavato ai suoi sfruttatori. In un caso la donna è stata sottoposta a un violento pestaggio, presa a pugni ai fianchi e al dorso per aver tentato di sottrarsi ai soprusi. Gli agenti della squadra mobile e del commissariato di Cisterna sono riusciti a rintracciare il piccolo, all’interno di una roulotte, sorvegliato proprio dalla 28enne. La vittima e il figlioletto, in buone condizioni di salute, saranno collocati in una struttura protetta. Sono ancora in corso le indagini per risalire ad altri componenti del gruppo criminale.

OutStream Desktop
Top right Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile