Top

Il quartiere Ballarò di Palermo si ribella a Salvini: "Provocatore, noi qui accogliamo tutti"

Le Sardine domani, davanti al Teatro Massimo dove Salvini parteciperà a un evento pubblico, hanno organizzato un flash mob silenzioso di protesta contro il leader della Lega. 

Striscioni contro Salvini a Palermo
Striscioni contro Salvini a Palermo

globalist Modifica articolo

2 Febbraio 2020 - 17.13


Preroll

Domani Matteo Salvini sarà a Palermo e il capoluogo siciliano si sta mobilitando per ‘accoglierlo’: striscioni sono comparsi in più parti della città con scritto ‘La Sicilia non si Lega’. Il tutto dietro il coordinamento delle Sardine che domani, davanti al Teatro Massimo dove Salvini parteciperà a un evento pubblico, hanno organizzato un flash mob silenzioso di protesta contro il leader della Lega. 
Ma le polemiche non si fermani qui: Salvini ha infatti rivelato di voler visitare anche lo storico mercato di Ballarò, dove sono attive molte organizzazioni che operano nel quartiere, che hanno rilasciato un comunicato: “Ballarò non ha paura ed accoglie (quasi) tutti – si legge in un lungo post con il quale si spiega il senso dell’iniziativa – La visita del segretario della Lega Salvini a Ballarò è una provocazione: anti-meridionalismo, intolleranza, razzismo sono concetti che il nostro quartiere, con la sua storia, non può che rifiutare con forza. E se, una parte dei nostri concittadini, gli offrirà fiducia sarà frutto della paura, delle diseguaglianze, dell’assenza della politica nell’occuparsi di chi è partito in una situazione di svantaggio, ed in Italia, in questi anni, ha ottime possibilità di esserci rimasto. Noi – proseguono – a Ballarò ci stiamo tutto l’anno, i leghisti invece li vediamo alla tivù a dire che ‘ballarò è un laboratorio per l’integrazione delle criminalità da ogni capo del mondo’. Noi organizziamo attività sociali, culturali, difendiamo il mercato storico, orientiamo gli investimenti pubblici verso il rilancio del quartiere, facciamo il possibile per sostenere chi, a causa degli infami decreti sicurezza, si trova a non poter più condurre un’esistenza serena alla luce del sole e libero di crearsi la propria fortuna. Lo facciamo da anni, dentro e fuori dai social, anche riqualificando spazi pubblici che erano discariche e ora sono diventati luoghi di vita e di interesse: piazza Ecce Homo, Piazza Mediterraneo, Piazza Peppe Schiera sono solo alcuni degli esempi, in un quartiere che negli ultimi anni è finalmente stato raccontato come luogo di cultura e socialità e non come luogo di criminalità”. E ancora: “Salvini parla di sicurezza mentre, in realtà, investe sulla paura e sull’insicurezza di comunità che vuole impaurite e ignoranti. Noi difendiamo un quartiere culturalmente e anche socialmente vario, difendiamo un’idea di sicurezza basata sulla fiducia e sulla condivisione degli spazi pubblici. Noi pensiamo che il nostro vicino di casa sia un amico e non un nemico di cui diffidare, da cui difendersi. Noi a Ballarò ci stiamo tutto l’anno, i leghisti li vediamo invece speculare come avvoltoi sui guasti che loro stessi hanno creato con i decreti sicurezza ed il loro devastante messaggio culturale. Difendiamo il nostro quartiere dalla squallida propaganda di chi solo pochi anni fa andava in giro a parlare di secessione ed ora si è riscoperto nazionalista. Difendiamo un quartiere vario, colorato, con tantissimi problemi da affrontare e risolvere tutti insieme e non l’uno contro l’altro. Ballarò, insomma, accoglie (quasi) tutti”.“

OutStream Desktop
Top right Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile