Rai, schiaffo ai suoi giornalisti: da Sky preso Semprini a tempo indeterminato
Top

Rai, schiaffo ai suoi giornalisti: da Sky preso Semprini a tempo indeterminato

Nessuno dei 1700 giornalisti Rai ritenuto all'altezza per condurre Ballarò

Gianluca Semprini
Gianluca Semprini
Preroll

globalist Modifica articolo

30 Giugno 2016 - 21.11


ATF

“Altro che trasparenza. In Rai tornano le chiamate dirette”. L’indignazione tra i 1.700 giornalisti Rai è diffusa, ma non va oltre Facebook. Il passaggio di Semprini da Sky in Rai per condurre Ballarò è ufficiale. Semprini entra da caporedattore e con contratto a tempo indeterminato. E da viale Mazzini lo addossano sul groppone di Antonio Di Bella, a Rainews24. Un oltraggioso capolavoro di arroganza senza reazioni che vadano oltre il tracciato piatto. Daria Bignardi, che era stata chiamata dall’esterno a dirigere Rai3 aveva motivato l’annunciato arrivo di Semprini con argomentazioni che sostanzialmente ratificavano – se in buona fede – l’incapacità a svolgere il ruolo dirigente, a scegliere all’interno dell’azienda. Per la Bignardi, solo Semprini aveva il profilo di Semprini. Grazie, signora. Arguta…

Disagio e umiliazione dei 1.700 giornalisti Rai, dicevamo, ma che non va oltre il ping pong di post. L’ennesima assunzione esterna sembra davvero incoraggiata e legittimata dalla mancata reazione delle tante, altre assunzioni esterne. Se ne assumi uno, due tre, tanti, che poi arrivi il Semprini di turno poco importa. I 1.700 al massimo abbiano, non morderanno. Sembra questo il ragionamento degli ex esterni che ora hanno in pugno il servizio pubblico. L’esecutivo dell’Usigrai, che è il sindacato dei giornalisti Rai, si limita a balbettare alcuni interrogativi che stenteranno ad arrivare al settimo piano di viale Mazzini. Ecco il seguito del comunicato che nel suo procedere – fitto di quegli interrogativi che non avranno mai risposta . appare in grande affanno:” I vincitori della selezione pubblica? Possono aspettare….

Leggi anche:  Scurati: i giornalisti Rai scioperino per dire no al fascismo che avanza e alle ombre sul Servizio Pubblico

E chi di loro entra si deve mettere in fila a fare il percorso di precariato pagato con contratto depotenziato.

I vuoti di organico? Possono aspettare.

Le sostituzioni delle lavoratrici in maternità? Non ci sono i soldi.

Che invece si trovano per assumere da caporedattore l’ennesimo esterno.

Insomma riprende la vecchia pratica della chiamata diretta.

E ovviamente con tutte le garanzie: contratto a tempo indeterminato e pure graduato.

Ma una curiosità : la Direttrice Bignardi ha tenuto a rivendicare che lo ha scelto lei, e in più con l’arroganza di dire che 3 mesi e mezzo non le sono bastati per cercare interni e che in fondo doveva “andare sul sicuro”, come se in Rai nessun giornalista fosse all’altezza. Ma allora perché non si è presa la responsabilità di assumerlo lei – per il tempo strettamente necessario a fare la trasmissione per cui lo ha voluto – a Rai3, invece di scaricarla su Rainews24″. Questo è tutto da Waterloo, linea allo studio.

Native

Articoli correlati