Bravo Formigli: "Salvini chiedi scusa al ragazzo del citofono"

Nel corso della trasmissione di La7, infatti, è andata in onda l'intervista al 17enne Yassin, additato come spacciatore

Formigli

Formigli

globalist 31 gennaio 2020

Una richiesta di scuse lanciata in diretta tv. Questo quanto fatto da Corrado Formigli, che ieri a Piazzapulita si è rivolto al leader della Lega Matteo Salvini chiedendo di chiudere il caso della citofonata ammettendo lo sbaglio. Nel corso della trasmissione di La7, infatti, è andata in onda l'intervista al 17enne Yassin, additato come spacciatore nell'ormai famigerato episodio avvenuto durante la campagna elettorale per le Regionali dell'Emilia Romagna. "Salvini - ha detto il ragazzo - mi ha rovinato la vita".


Al termine dell'intervista, le parole di Formigli: "Ho sentito dire dalla signora Biagini, che è quella che ha accompagnato Salvini indicandogli il citofono, che il giorno dopo questa scena le hanno rotto il vetro della macchina e che Salvini le ha rimborsato e pagato il danno. Allora, io sommessamente chiederei a Salvini di chiedere scusa a questo ragazzo, perché poi si può sbagliare, ma forse si può anche riconoscere uno sbaglio e chiuderla lì".