Rita Pavone, scuse non accettate: rivolta contro la cantante che ha offeso Greta Thunberg

Tra cartelli comparsi alla manifestazione globale di oggi e scherno sul web, la 'gaffe' della Pavone ha suscitato una reazione che non accenna a fermarsi

Un cartello contro Rita Pavone

Un cartello contro Rita Pavone

globalist 15 marzo 2019

“Meglio un giorno da Greta che una vita da Rita”


Il popolo dei social e i giovani scesi in piazza oggi per la grande manifestazione globale Strike for Future non hanno perdonato Rita Pavone per la ‘gaffe’ su Greta Thunberg, la sedicenne svedese promotrice della protesta. Che poi, ci vuol coraggio a chiamarla gaffe: la Pavone si è infatti scusata sostenendo che non ‘avrebbe preso in giro Greta se avesse saputo che la ragazza soffre di sindrome di Asperger’. Perché, bullizzare una sedicenne su twitter va bene, ma solo se è sana come un pesce.


In ogni caso, le scuse della Pavone non sembrano essere state accettate: oltre al cartello comparso alla manifestazione, sono migliaia i tweet di rimprovero che la cantante sovranista (ma residente in Svizzera) sta ricevendo in queste ore.